Affari italiani: le Zebre comunicano, ma non chiariscono

Dopo le notizie apparse stamani la società bianconera precisa, ma non dissolve i dubbi.

Dopo gli articoli apparsi stamani su questo blog e su Onrugby e dopo un ulteriore lancio Ansa nel pomeriggio, le Zebre Rugby hanno diramato un comunicato per precisare – come da comunicato – alcuni punti. Precisazioni che, però, non dissolvono i dubbi e, soprattutto, non vogliono chiarire la situazione economica reale del club.

“A seguito delle notizie apparse oggi su ANSA e su alcuni siti specializzati, Zebre Rugby intende precisare, in primis, che i contributi elargiti da FIR sono paritariamente ripartiti tra le due Società italiane partecipanti al Guinness PRO12 ed alle competizioni EPCR. Un contributo straordinario a favore di Zebre Rugby per favorire il primo anno di attività, dopo la privatizzazione della società, è stato elargito limitatamente alla stagione sportiva 2015/2016 – si legge nel comunicato, che poi passa a parlare di bilancio –. In merito ai documenti contabili necessari alla stesura del bilancio consuntivo da chiudersi entro il 30/10/2016 la reperibilità degli stessi è sempre stata garantita al nostro collegio dei revisori, compatibilmente con i tempi necessari alle registrazioni contabili ad agli adempimenti normativi di prassi. La bozza del bilancio dell’esercizio 2016, come previsto dallo statuto sociale, sarà regolarmente presentata entro i termini di legge all’assemblea ordinaria dei soci”.

Parole che, però, non toccano i temi più scottanti: cioè la reale consistenza economica delle Zebre e, soprattutto, non spiegano perché – se tutto è fatto a regola d’arte – il Collegio dei Sindaci ha richiesto la convocazione di un Consiglio d’Amministrazione straordinario. E non rispondono neanche all’Ansa che, riportando voci giunte anche a Rugby 1823 (ma non confermate) scrive come “la franchigia con sede a Parma, nata nel 2012 sotto il controllo della Federazione che a giugno è uscita dal capitale resta la ‘spina’ nel fianco e indiscrezioni di stampa ipotizzano un imminente fallimento”.

I Video di Blogo