Ferrara: rapine e droga, 12 arresti nell’operazione Molino

I malviventi durante le irruzioni nelle ville prese di mira facevano uso di storditori elettrici contro le malcapitate vittime.

Dodici presunti rapinatori di ville e trafficanti di stupefacenti sono finiti in manette questa mattina, arrestati dai Carabinieri del comando provinciale di Ferrara. Cinque di loro sono accusati di aver messo in piedi un’associazione per delinquere finalizzata alla realizzazione di rapine, alla ricettazione e al traffico di droga.

Secondo le indagini i malviventi durante le irruzioni nelle case prese di mira facevano uso di storditori elettrici contro le malcapitate vittime. I militari dell’Arma in proposito hanno parlato di “bieco cinismo” da parte dei rapinatori. Il bottino delle varie rapine veniva poi impiegato per finanziare un traffico di droga che dalle province di Ravenna e Ferrara arrivava in Lombardia e fino in Sicilia.

I carabinieri nel corso delle indagini hanno sequestrato quantitativi di cocaina e hashish pronti per essere immessi sulle piazze di spaccio. L’inchiesta che ha portato agli arresti odierni – nome in codice dell’operazione Molino – aveva preso le mosse a marzo dell’anno scorso con un blitz ad Alessandria, Massa Fiscaglia e Ostellato (Ferrara).

© Foto Getty Images

I Video di Blogo

Parma, poliziotto da un calcio in faccia a un manifestante a terra (VIDEO)