Attentato a Baghdad: 76 morti e 202 feriti

L’esplosione si è verificata alle 6, ora locale, nel mercato Jameela di Sadr City. Il bilancio provvisorio è di 58 morti e 89 feriti.

11.10 – L’attesa rivendicazione è arrivata. Un comunicato firmato da sostenitori dello Stato Islamico si è preso la responsabilità dell’attentato, spiegando di aver preso di mira “la roccaforte dell’esercito ciarlatano delle milizie sciite”.

Intanto, secondo quanto scrive Reuters, il bilancio si è aggravato ulteriormente: i morti sarebbero almeno 76, mentre il numero dei feriti avrebbe toccato quota 212.

10.00 – Oltre 50 persone sono decedute questa mattina in seguito all’esplosione di un camion bomba nell’affollato mercato Jameela di Sadr City, distretto a nord-est di Baghdad. L’attentato è avvenuto alle 6, ora locale, nel giorno in cui centinaia di persone arrivano dalle province irachene per vendere i propri prodotti.

Fonti ufficiali hanno confermato ad Associated Press che il bilancio provvisorio è di 62 persone uccise e almeno 89 persone ferite, prontamente trasportate negli ospedali della città.

Al momento nessuno ha ancora rivendicato l’attentato, ma è lecito aspettarsi a breve un comunicato da parte dello Stato Islamico o da qualche gruppo affiliato, più volte responsabile di attacchi a Sadr City, un’area prevalentemente occupato da sciiti.

I Video di Blogo