Manchester: carcere a vita per John Maden, stuprò ed uccise la nipote 12enne

E’ arrivata ieri la condanna per il 38enne John Maden, che dovrà passare il resto della sua vita dietro le sbarre per aver stuprato, torturato ed ucciso sua nipote, Tia Rigg, di appena 12 anni.I fatti risalgono al 3 aprile scorso a Cheetham Hill, Manchester: la sorella di Maden chiese al 38enne di fare da


E’ arrivata ieri la condanna per il 38enne John Maden, che dovrà passare il resto della sua vita dietro le sbarre per aver stuprato, torturato ed ucciso sua nipote, Tia Rigg, di appena 12 anni.

I fatti risalgono al 3 aprile scorso a Cheetham Hill, Manchester: la sorella di Maden chiese al 38enne di fare da babysitter alla figlia per il pomeriggio.

La 12enne, tornata da scuola, è andata a casa dallo zio. Maden, appassionato di film snuff, l’ha drogata ed ha abusato di lei.

Poi, mentre la giovane era ancora priva di sensi, Maden l’ha accoltellata e l’ha strangolata con la corda di una chitarra.

Dopo averla uccisa ha chiamato i soccorsi, dicendo: “Ho appena ucciso mia nipote“. Alla domanda “perchè l’ha fatto?“, il 38enne ha risposto: “Perchè mi sentivo di farlo“.

Maden, arrestato subito dopo, ha detto di aver sentito delle voci che l’hanno spinto ad uccidere la 12enne.

In casa sua gli agenti hanno rinvenuto un’ingente quantità di materiale a carattere pedopornografico, ma anche video di stupri e torture.

Ieri è arrivata la condanna: John Maden dovrà passare il resto della sua vita in carcere.

Via | Mirror

Ultime notizie su Inchieste e processi

Tutto su Inchieste e processi →