Rugby e doping: squalifiche per due giocatori siciliani

Federico Gorgone è stato fermato 4 anni, mentre per Giammarco Azzone lo stop è di 3 mesi.

Ancora brutte notizie per il rugby siciliano, nuovamente coinvolto in due casi di doping. Ieri, infatti, il Coni ha annunciato le squalifiche per due giocatori che militano nella Serie C siciliana. La pena più pesante è per Federico Gorgone, giocatore del Nissa Rugby, trovato positivo a un controllo antidoping lo scorso ottobre e squalificato per 4 anni (visti gli artt. 2,1,2.6, 4.2.1, 4.7.4.1 delle Norme Sportive Antidoping), cioè fino al 19 ottobre 2019.

Più lieve la squalifica per un altro tesserato Fir, Gianmarco Azzone dell’Audax di Ragusa, trovato positivo a dicembre e squalificato per 3 mesi (visti gli artt 2.1 e 4.5.1.1 delle Norme Sportive Antidoping), fino al prossimo 9 giugno. Due casi che si vanno ad aggiungere a quelli delle ultime settimane – con anche il caso record di 11 positività di Davide Vasta dell’Amatori Catania – hanno riempito le cronache locali e nazionali.