Medico arrestato per violenza sessuale a Gela

L’arresto del medico è stato eseguito stamattina da parte della polizia di frontiera all’aeroporto romano di Fiumicino: l’uomo era appena arrivato da un viaggio in Colombia, addosso cinque dosi di cocaina.

di remar

Un medico di 53 anni è stato arrestato oggi dalla polizia con l’accusa di violenza sessuale sulla sua ex compagna. Secondo le indagini la donna, un’assistente sociale di Gela (Caltanissetta), stanca dell’indole violenta dell’uomo il mese scorso aveva deciso di troncare il rapporto ma lui non ne aveva nessuna intenzione.

Il medico allora avrebbe iniziato a perseguitare la ex con telefonate e messaggi sul cellulare fino a quando, come denunciato dalla donna alla polizia, una sera con una scusa è riuscito a entrare nell’abitazione dell’assistente sociale e dopo un acceso diverbio l’ha percossa e infine violentata. Prima i calci e pugni poi la minaccia che sarebbe stata uccisa se non avesse ceduto a un rapporto sessuale.

L’arresto del medico è stato eseguito stamattina da parte della polizia di frontiera all’aeroporto romano di Fiumicino: l’uomo era appena arrivato da un viaggio in Colombia e tra l’altro dopo una perquisizione gli sono state trovate addosso cinque dosi di cocaina.

L’ordinanza di custodia cautelare a carico del professionista, in servizio a Gela ma originario della Puglia, è stata emessa dal gip del tribunale della città siciliana, Veronica Vaccaro, su richiesta del sostituto procuratore Elisa Calanducci per le accuse di violenza sessuale aggravata e lesioni gravi.

Foto © Getty Images