6 Nazioni 2016: Campagnaro ancora nel XV ideale

Il centro azzurro inserito in diverse formazioni ideali del terzo turno. A conferma che giocare all’estero…

L’Italia perde, e male, con la Scozia. All’Olimpico c’è poco da salvare, ma ancora una volta tra le note positive c’è Michele Campagnaro. Già ottimo a Parigi e contro l’Inghilterra, anche sabato il centro azzurro si è dimostrato il più talentuoso e forte degli azzurri in campo. E, ancora una volta, è stato inserito nel XV ideale di diversi giornali e siti esteri.

Da Rugbyrama al Walesonline, passando per diversi siti specializzati, il numero 13 azzurro viene definito “pericoloso con la palla in mano” e si giocherà con Jonathan Joseph l’Oscar di miglior centro del Torneo se va avanti così. E a guardarlo in campo Campagnaro – che si era messo in mostra due anni fa all’esordio – dimostra di aver fatto un salto di qualità rispetto al passato.

Il centro azzurro da quest’estate vive e gioca in Inghilterra, negli Exeter Chiefs. Pochi minuti dalla panchina a novembre, dopo i Mondiali, Campagnaro ha passato i primi due mesi di Premiership ad allenarsi, a studiare, accettando di avere “un gran potenziale, ma deve crescere” come aveva detto il tecnico dei Chiefs e solo a gennaio ha iniziato a diventare protagonista, con quattro partite da titolare tra Coppa e campionato nel 2016.

Pochi mesi che, però, mostrano una grande crescita del giocatore, che rispetto al passato sembra aver imparato a tenersi l’ovale più stretto (diminuite le palle parte in questo 6 Nazioni) e a passarlo al momento giusto. I suoi break sono stati tra i pochi momenti in cui l’Italia si è resa pericolosa (suo lo scatto da cui nasce la meta di Ghiraldini, lui fa partire l’azione più pericolosa della ripresa, con Gori che non controlla l’ovale) e assieme a Sergio Parisse è il giocatore che più sta facendo la differenza in questo Sei Nazioni. A dimostrazione che se si vive e lavora in una società professionale e con tecnici di qualità si può crescere anche con poco minutaggio in campo, ma lavorando bene in settimana.

Ultime notizie su Sei Nazioni

Tutto su Sei Nazioni →