Sei Nazioni: Feehan “Allargare il torneo? Non è in agenda”

Il boss del Torneo spegne le voci (continue) che riguardano Georgia o Romania e ribadisce che il 6 Nazioni non cambia. Perché è vincente così.

Allargare il 6 Nazioni a realtà emergenti come Georgia o Romania? Fare uno spareggio tra la peggiore del Torneo e la migliore altra europea? Fantarugby e nulla più. A ribadire il concetto è stato il numero 1 dell’RBS 6 Nazioni, John Feehan, a margine della presentazione del Torneo a Londra l’altro giorno. Parole chiare e che spazzano via ipotesi, proposte e semplici boutade.

“Il 6 Nazioni è il padre di tutti i tornei di rugby e va benissimo così. E’ un torneo chiuso e continuerà a esserlo. Lo sarà perché, sinceramente, il livello delle Sei Nazioni che vi partecipano è superiore alle altre – le sue parole –. Il nostro compito non è lo sviluppo del rugby altrove, noi al massimo siamo ben felici di cooperare con realtà come la Georgia o la Romania, ma la realtà è che non vogliamo cambiare nulla”.

Per ora, va aggiunto. Perché Feehan sa che il torneo è sì chiuso, ma già in passato da 4 nazioni salì a 5 e, infine, alle attuali 6. “Mai dire mai e devi sempre tenere le opportunità aperte per il futuro, ma al momento l’allargamento del Sei Nazioni non è in agenda” ribadisce Feehan, che poi parla dell’altra rivoluzione ipotizzata, l’introduzione dei punti di bonus.

“E’ qualcosa che abbiamo valutato e abbiamo testato cosa sarebbe successo retroattivamente con i punti di bonus. Il risultato è stato che, in passato, ci sarebbe stato un vincitore del Torneo che avrebbe battuto la nazione che aveva ottenuto il Grande Slam e questo non è giusto – dice Feehan –. Ma, soprattutto, sarebbe sbagliato perché nel Torneo ci sono tre squadre che hanno tre partite in casa e tre squadre che ne giocano due. I punti di bonus sono stati storicamente introdotti nella fase a gironi dei tornei, ma il Sei Nazioni è diverso. E, infine, con i bonus si rischia che il Torneo sia vinto dopo la quarta giornata e che l’ultimo weekend diventi inutile”.

Ultime notizie su Sei Nazioni

Tutto su Sei Nazioni →