Cleveland, ritrovate tre ragazze rapite 10 anni fa: in manette i tre aguzzini

Tre ragazze, Michelle Knight, Amanda Berry e Gina de Jesus, sono state salvate ieri a Cleveland dopo esser state tenute prigioniere per 10 anni. Tre aguzzini sono stati arresti.

11.00 – L’FBI è al lavoro nella casa degli orrori per raccogliere tutti gli elementi possibili a supporto dei racconti delle tre giovani salvate dopo dieci anni di prigionia. I tre aguzzini sono ancora detenuti nel carcere cittadino in attesa di essere interrogati alla luce dei nuovi particolari che emergeranno nel corso delle prossime ore.

Dieci lunghi anni di prigionia, rapite in un sobborgo di Cleveland, in Ohio, e tenute prigioniere in un abitazione da tre uomini fino a quando, per puro caso, un vicino di casa ha udito le urla provenienti dall’appartamento e ne ha permesso la liberazione. E’ questa l’assurda storia che ha come protagoniste tre donne di cui si erano perse le tracce una decina di anni fa.

Michelle Knight, scomparsa nel 2002 all’età di 21 anni, Amanda Berry, di cui si erano perse le tracce nel 2003 quando aveva 17 anni, e Gina de Jesus, svanita nel nulla all’età di 14 anni nel 2004. Ieri uno dei residenti del quartiere, Charles Ramsey, stava passando davanti all’abitazione degli orrori quando ha sentito una giovane gridare con tutte le sue forze.

Pensando ad un caso di violenza domestica ha sfondato a calci la porta di casa e la giovane che si è ritrovato davanti era proprio quella Amanda Berry scomparsa ormai dieci anni fa che lo implorava di chiamare il 911 e denunciare tutto. In pochi istanti l’abitazione viene circondata dalle autorità e le ragazze tratte in salvo.

Cleveland, ritrovate tre ragazze rapite 10 anni fa
Cleveland, ritrovate tre ragazze rapite 10 anni fa
Cleveland, ritrovate tre ragazze rapite 10 anni fa
Cleveland, ritrovate tre ragazze rapite 10 anni fa

L’arresto degli aguzzini è stato solo questo di tempo. Ariel Castro, autista di scuola bus di 52 anni anni, è stato arrestato insieme a due suoi fratelli, di 50 e 54 anni, ritenuti complici dell’uomo. Sono ancora molti i punti oscuri di questa terribile vicenda e gli inquirenti si trovano ancora sul posto per tutti i rilievi del caso.

Possibile che nessuno dei vicini di casa si sia mai accorto di nulla? E il bimbo di 6 anni trovato nell’abitazione è figlio di una delle giovani donne tenute in ostaggio o si tratta di un’altra vittima di rapimento? Per quale motivo furono rapite e tenute prigioniere per tutto questo tempo? Ciò che conta, adesso, è che le tre giovani sono in buone condizioni e sono ospitate nell’ospedale di Cleveland per tutte le cure del caso. Sarà proprio il loro racconto a fornire maggiori dettagli sulla vicenda e permettere agli inquirenti di formulare le giuste accuse nei confronti dei tre arrestati e di eventuali complici.

La scoperta è stata fatta poche ore fa e già stanno nascendo le prime critiche sull’operato delle autorità della zona. Le tre giovani furono rapite nello stesso quartiere in cui sono state ritrovate e l’opinione pubblica sta chiedendo a gran voce una spiegazione: come è possibile che non siano state ritrovate subito?. A questo gli inquirenti risponderanno in seguito. Ora è necessario chiarire cosa sia successo in quella casa, del passato si discuterà non appena questo incubo potrà considerarsi concluso.

Qualche dettaglio in più sull’incubo lungo dieci anni che hanno dovuto vivere le tre giovani arriva dall’inglese Daily Mail, che riferisce di come le tre vittime furono tenute rinchiuse in cantina e tenute in catene per anni. Sempre il quotidiano inglese riferisce che la bimba rinvenuta in casa sarebbe la figlia di Amanda Berry, frutto delle violenze del suo aguzzino. Informazioni, queste, non ancora confermate ufficialmente dagli inquirenti che si stanno occupando del caso.

Ultime notizie su Cold Case

Tutto su Cold Case →