Irlanda: Cian Healy e quella squalifica che va e viene

Il pilone del Leinster sarà in campo domenica contro il Munster. Ma la sua storia è assurda.

Stade Félix-Mayol di Tolone, lo scorso 13 dicembre. Al 26′ della sfida tra i campioni d’Europa e il Leinster il pilone irlandese Healy entra in ruck, ma facendolo travolge un avversario a testa e lo colpisce con una ginocchiata. Cartellino giallo. In settimana arriva anche la squalifica. Due turni di stop e il giocatore deve saltare il match di ritorno con il Tolone e il derby celtico con il Munster.

Ma Leinster e Healy fanno ricorso. Essendo i tempi ristretti, però, la decisione non potrà venir presa in tempo per il match di Champions Cup e, dunque, ecco che la squalifica viene momentaneamente sospesa e contro Tolone il pilone dell’Irlanda è regolarmente in panchina. Ieri, poi, la decisione. La squalifica di due settimane è tolta e Cian Healy può sfidare il Munster domenica.

Tutto a posto? No, perché in verità la commissione non ha assolto il pilone, ma ha solo annullato la decisione presa dall’organo giudicante. Infatti la commissione ha deciso che Cian Healy dovrà apparire di fronte a un nuovo organo giudicante in un secondo tempo (da stabilire) che dovrà decidere nuovamente sulla gravità del gesto dello scorso 13 dicembre. Insomma, Cian Healy è da punire o no? Dopo due giudizi la risposta ancora non c’è, ma intanto il giocatore è in campo.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Guinness Pro14

Tutto su Guinness Pro14 →