Rovigo: Zambelli “Frati? Ha fatto una squadra sua, non della società”

Ieri è stato presentato il nuovo allenatore dei rossoblu e il presidente ha spiegato l’esonero del coach di Noceto.

Continua a far discutere l’esonero di Pippo Frati a Rovigo. Con la squadra prima in classifica l’addio al tecnico di Noceto è stato un fulmine a ciel sereno. Ieri la società ha presentato Joe McDonnell, ma tema caldo era ancora l’esonero. Un esonero i cui risultati si vedranno nelle prossime settimane, ma che – forse – andava deciso prima (dopo la finale persa) o a fine stagione.

A dare la sua visione della scelta, comunque, è stato il presidente Francesco Zambelli: “Come allenatore gli riconosco dei meriti, ha dimostrato di saper fare bene il suo lavoro e rimarrà nei nostri cuori, ma Rovigo ha bisogno di un allenatore che sia in simbiosi con la Società, che non costruisca una squadra sua bensì la squadra della società, caratteristica che purtroppo lui non ha mai voluto avere nonostante le mie raccomandazioni dopo l’ultima finale persa”.

Una figura che Rovigo ha visto in Joe McDonnell, come spiega ancora il numero 1 rossoblu: “Per il nostro futuro cerchiamo una competenza assoluta, che possa guidare tutto il movimento ovale dalla prima squadra ai più piccoli. La scelta di affidare la conduzione tecnica a Joe McDonnell può essere l’avvio di questa idea, il primo passo per impostare un progetto futuro in cui la Rugby Rovigo deve tornare a essere protagonista della crescita dei giocatori e di tutto il movimento”.