Gioia Tauro: 190 chili di coca nascosti nel caffè

148 panetti di cocaina, trasportata in sacchi di juta e plastica, erano nascosti a loro volta in altri sacchi contenenti caffè.

di remar

La cocaina era nascosta nel caffè. Ancora un maxi sequestro di polvere bianca nel porto di Gioia Tauro, crocevia del traffico internazionale di droga gestito dai clan di ‘ndrangheta che spadroneggiano nella Piana.

Un carico da 190 chilogrammi di cocaina, di elevata qualità e purezza, è stato intercettato e posto sotto sequestro questa mattina dalla Squadra Mobile di Reggio Calabria guidata da Gennaro Semeraro e dal personale dell’Agenzia delle Dogane.

Dopo verifiche e riscontri documentali gli agenti hanno aperto un container sospetto sbarcato dalla nave Bellavia nel porto di Gioia e sono saltati fuori ben 148 panetti di cocaina, trasportata in sacchi di juta e plastica, nascosti a loro volta in altri sacchi contenenti caffè.

A fine febbraio scorso in una delle ultime operazioni contro il traffico di droga nel porto di Gioia Tauro furono sequestrati altri 94 chili di coca. L’anno scorso nell’area portuale vennero in tutto intercettati 1650 chilogrammi dello stupefacente.

Foto © TM News