Se questa è la “classe operaia” …

Il livello del disorientamento politico di quella che una volta (pochi anni fa) era la mitica “classe operaia” si misura leggendo il Manifesto. Scrive un lettore: “A questo punto gli operai invece di chiedere devono cominciare con l’autogestione, devono occupare tutte le fabbriche sul territorio. Come nel ’20 quando gli operai FIAT presero la fabbrica

Il livello del disorientamento politico di quella che una volta (pochi anni fa) era la mitica “classe operaia” si misura leggendo il Manifesto.

Scrive un lettore: “A questo punto gli operai invece di chiedere devono cominciare con l’autogestione, devono occupare tutte le fabbriche sul territorio. Come nel ’20 quando gli operai FIAT presero la fabbrica e la portarono in produzione, oggi gli operai devono dimostrare al mondo che possiamo vivere senza imprenditori. Dobbiamo ragionare come se fossimo un vero e proprio Stato: lo Stato della classe operaia. Avevo pensato anche al rapimento degli industriali come fanno i compagni francesi, ma i nostri industriali sono senza palle e è del tutto inutili rapirli”.

Commento del Manifesto: nessuno.

Nostro commento: solo miseria intellettuale. Infantilismo politico. Bandiera rossa trionferà.