UK: 30enne vittima di abusi da bambino ricatta i suoi stupratori. I due lo uccidono e si suicidano

Si è ufficialmente conclusa l’indagine sulla morte del 30enne Derick Tempest, padre di tre figli trovato morto lo scorso aprile in una palude di Great Yarmouth, Inghilterra.Di Tempest si erano perse le tracce il 28 ottobre dello scorso anno, dopo aver fatto visita a James Hall e Andrew Ventham, rispettivamente di 60 e 49 anni,


Si è ufficialmente conclusa l’indagine sulla morte del 30enne Derick Tempest, padre di tre figli trovato morto lo scorso aprile in una palude di Great Yarmouth, Inghilterra.

Di Tempest si erano perse le tracce il 28 ottobre dello scorso anno, dopo aver fatto visita a James Hall e Andrew Ventham, rispettivamente di 60 e 49 anni, morti pochi giorni dopo, il 2 novembre, per avvelenamento da monossido di carbonio.

Indagando su questi decessi, le autorità hanno portato alla luce una vicenda di pedofilia e di ricatti che risale a ben 17 anni fa.

Derick Tempest, quando aveva 13 anni, fu violentato da Hall e Ventham. A distanza di anni, visto che i due non erano mai stati denunciati, Tempest decise di trarre qualche profitto da quella drammatica esperienza.

Così si è recato a casa dei due pedofili e, dopo averli sorpresi insieme a due minorenni, ha iniziato a ricattarli.

I due hanno ceduto al ricatto, ma Tempest, dove aver ricevuto quasi 2 mila euro, ha deciso di chiedere più soldi.

A quel punto, secondo gli inquirenti, Hall e Ventham hanno deciso di uccidere il ricattatore. E così è stato.

Hanno scaricato il suo corpo in una palude e, pochi giorni dopo, si sono tolti la vita nel garage della loro abitazione, accendendo l’automobile e lasciando che il monossido di carbonio facesse il resto.

Hanno lasciato un biglietto: “Ci spiace per questo, ma gli eventi hanno cospirato contro di noi“.

Ora, ha distanza di quasi un anno da quell’omicidio, il mistero sembra essere risolto.

Via | Mirror