Alcune fantasiose ipotesi su ciò che è stato promesso ad Alfano per accettare TUTTO QUESTO

Il trattamento riservato ad Alfano da Berlusconi in questa campagna elettorale è stato politicamente umiliante, ma il segretario del PDL è rimasto a mani vuote?

Silvio Berlusconi ce lo ha insegnato, da campione del capitalismo qual è: tutto ha un prezzo. Non sempre si parla di un prezzo espresso in euro, beninteso, a volte si accetta di sottoporsi a trattamenti che Amnesty International definirebbe “disumani e degradanti” in cambio di qualcosa di immateriale, che però nell’intimo immaginario di ogni soggetto assume un valore incalcolabile.

Deve essere davvero incommensurabile per ogni mente umana e forse pure vulcaniana, quello che ha ottenuto Angelino Alfano in cambio del trattamento a cui ha accettato di sottostare in questa campagna elettorale. I suoi detrattori lo hanno definito “prestanome” e in effetti a sei giorni dal voto ancora non si capisce chi sia il vero candidato premier della coalizione di Centrodestra. Il presidente del Milan ha disposto del suo successore a proprio piacimento, prima candidandolo poi mettendolo in un angolo. Criticare e basta però non è costruttivo, proviamo a immaginare quali meraviglie siano state promesse al segretario del PDL per convincerlo a interpretare uno dei ruoli più comici mai sperimentati nella farsa della politica italiana:

1) Berlusconi ha promesso ad Alfano il numero di telefono del suo tricologo, per realizzare di un nuovo quel miracolo italiano che l’ex premier ha fissato in testa.

2) Berlusconi ha promesso ad Alfano fama e gloria imperitura finanziandogli in toto il tentativo di battere il record di lancio nel vuoto di Felix Baumgartner. Peccato che la caduta sia già in corso e sia senza paracadute.

3) Berlusconi ha promesso ad Alfano il Santo Graal, gelosamente custodito a Villa San Martino o a Villa Cerosa o a Palazzo Grazioli o a Villa Belvedere o… Hei, un momento: ecco perché vuole restituire l’IMU agli italiani!

4) Alfano ha chiesto e ottenuto da Berlusconi tutto l’appoggio necessario per partecipare come ospite al prossimo Festival di Sanremo sotto lo pseudonimo di Al Fano, con la cover del brano “Non ho l’età”.

5) Berlusconi ha promesso ad Alfano di svelargli tutti i segreti dell’Italia repubblicana, ma per ottenere questo dovrà ipnotizzare Andreotti. Auguri.

6) Per ottenere il premio di cui al punto sopra, Berlusconi ha regalato ad Alfano un corso di ipnosi presso Giucas Casella, al termine del quale il politico siciliano ha ricevuto un attestato che gli conferisce il titolo di “paragnosta, delfino di paragnosta”.

7) Alfano ha chiesto e ottenuto la mano di Berlusconi, su consiglio del tutto disinteressato di Veronica Lario: “Fidati, resisti qualche anno, ma poi è meglio di un’assicurazione sulla vita”. Si prevedono inaspettate convergenze con SEL in tema di diritti civili.

8) Berlusconi ha promesso ad Alfano di prendere a calci nel sedere quei monelli di Polisblog, ma a quel punto il segretario del PDL si è opposto: “A tutto c’è un limite!”

Disclaimer: nessun segretario di partito o candidato premier è stato maltrattato durante la realizzazione di questo post.

Foto | © Getty Images

I Video di Blogo