USA: nasce il primo campionato professionistico di rugby

Sei squadre professionistiche nasceranno l’anno prossimo nell’ennesimo passo per portare la palla ovale negli Stati Uniti.

Sei squadre provenienti da alcune delle maggiori metropoli del nordest, dalle Rocky Mountains e dalla California. Che verranno annunciate nei prossimi giorni, ma che daranno vita al primo campionato professionistico di rugby negli Stati Uniti.

Un primo passo – ma meglio pochi, ma solidi e con il meglio che il rugby a stelle e strisce possa offrire – per consolidare l’interesse degli USA per il rugby. Dopo i test match contro All Blacks e Australia, dopo le partite di Premiership e forse di Pro 12 che si disputeranno nel territorio americano, dopo la qualificazione alle Olimpiadi di Rio 2016 un nuovo tassello nella costruzione della palla ovale a stelle e strisce.

Ma non finisce qui. Perché il campionato nel 2017 crescerà, coinvolgendo anche alcuni club canadesi. Le squadre – che saranno create ad hoc e non saranno emanazione degli attuali club dilettantistici – avranno un massimo di 5 giocatori stranieri (cioè né americani né canadesi, ndr.). Infine, e anche qui a qualcuno potrebbero fischiare le orecchie, anche se a oggi non si sa nulla di possibili diritti tv, quel che è certo è che le partite verranno trasmesse in streaming web, per ampliare il più possibile l’interesse attorno all’evento.