Verona: identificati i due cadaveri emersi dal lago di Garda. Fermato il figlio Daniele Bellarosa

Può già considerarsi risolto il mistero della coppia di coniugi uccisi e gettati nel Lago di Garda.I due ora hanno un nome: Enzo Bellarosa e Francesca Di Benedetti, rispettivamente di 75 e 76 anni.Ad ucciderli sarebbe stato il figlio Daniele Bellarosa, 46 anni, che avrebbe già confessato tutto agli inquirenti.Li avrebbe uccisi nel garage della


Può già considerarsi risolto il mistero della coppia di coniugi uccisi e gettati nel Lago di Garda.

I due ora hanno un nome: Enzo Bellarosa e Francesca Di Benedetti, rispettivamente di 75 e 76 anni.

Ad ucciderli sarebbe stato il figlio Daniele Bellarosa, 46 anni, che avrebbe già confessato tutto agli inquirenti.

Li avrebbe uccisi nel garage della loro abitazione a Carpi, in provincia di Modena, e successivamente li avrebbe trasportati in Veneto e gettati nelle acque del lago.

Ancora oscuro il movente del delitto. Quello che è stato reso noto, invece, è il modo in cui gli investigatori sono giunti all’identificazione della coppia e all’arresto del figlio:

A loro i carabinieri sono risaliti grazie ad uno scontrino per l’acquisto di farmaci in una farmacia di Carpi trovato nelle tasche di uno dei due. La maglietta indossata dalla donna è stato l’elemento che ha condotto i carabinieri di Peschiera del Garda e del nucleo investigativo di Verona fino a Daniele Bellarosa.

Via | Il Messaggero