Mondiali 2015: Australia, (quasi) buona la prima

Si è conclusa la sfida tra i Wallabies e le Fiji che dicono addio ai sogni iridati. Ma l’Australia non trova il bonus.

Promette scintille fin dai primi secondi la partita, con Australia e Fiji che giocano tanto alla mano, senza tatticismi, ma cercando subito di pressare gli avversari. E Fiji che, subito, perdono Waisea Nayacalevu per infortunio dopo neanche due minuti di gioco. Australia che subito mette alle corde le Fiji con la maul e il gioco veloce al largo, ma non concretizza il XV di Cheika. E’ un inizio di partita asfissiante, con le due squadre che tengono vivo l’ovale e regalano una vetrina di cosa sia il rugby downunder. Al 9′, dopo una mischia fantastica con i 16 giocatori immobili per lunghissimi secondi, fallo figiano (anche questa una loro peculiarità) e Foley può mettere tra i pali i primi tre punti del match. Dopo 12 minuti si vede anche la squadra figiana palla in mano, tanto movimento, ma poca capacità di finalizzare il tanto gioco creato. Al 17′ altra mischia bellissima, con l’ovale in mezzo che non si muove, come i due pack. Alla fine c’è il fallo australiano e si scatena una piccola discussione tra le parti. Fiji che spingono grazie a una buona touche, conquista una punizione piazzabile, ma Volavola va ancora una volta in touche, altro fallo e questa volta Nadolo va per i pali e pareggia.

E le se Fiji danno spettacolo, l’Australia prova a rispondere di rimessa, spinge con Kuridrani e conquista una punizione, vanno in touche, maul, palla al largo e placcaggio al collo di Nadolo su Folau e nuova touche cercata. E questa volta la maul arriva fino in fondo e David Pocock schiaccia per la prima meta del match. Trova più coraggio l’Australia con il vantaggio, gioca molto bene, arriva ancora un placcaggio pericoloso di Nadolo, ma a venir punito è Campese Ma’afu per un altro fallo e Fiji in 14. Momento importantissimo del match, ancora una maul vicino all’area di meta e ancora una volta è Pocock a schiacciare e Australia in fuga. Al 37′ ennesimo fallo di foga delle Fiji e Bernard Foley può allungare ancora e lo fa. Con la superiorità diventa un monologo australiano, con Giteau e compagni che forse cercano troppo la giocata spettacolare e, così, si va negli spogliatoi sul 18-3 per l’Australia.

Parte subito bene il XV dei Wallabies, che dopo una fiammata di Folau obbliga al tenuto ifigiani e può attaccare nei 22 pacifici. Ancora Folau si trascina tre avversari appesi, poi la palla arriva fino a Sekope Kepu. Meta, match ormai instradata verso l’Australia e obiettivo bonus per Giteau e compagni. Poco dopo Nadolo può riavvicinare parzialmente i suoi dalla piazzola e l’ala non sbaglia. Troppi gli errori dei figiani, però, che sprecano tanti possessi, mentre l’Australia gestisce tranquillamente la situazione. Wallabies che, però, stanno lasciando troppo spazio alle Fiji, che provano a rientrare in partita. E, così, pochi secondi prima dell’ora di gioco ecco che arriva la meta di Volavola che riporta sotto le Fiji, mentre l’Australia deve tornare a giocare se vuole puntare a un bonus fondamentale nella corsa playoff.

E la meta figiana dà la sveglia ai verdeoro, attacco potente, ennesimo placcaggio alto figiano, ennesima touche sui 5 metri, ma questa volta l’Australia perde l’ovale e nulla di fatto. Secondo, e poi terzo, errore di fila, subito dopo, per Stephen Moore in rimessa e minuti che passano senza che i Wallabies si avvicinino alla quarta meta. Al 69′ fallo figiano in mischia e Foley decide di andare per i pali, invece che in touche, e Australia che va oltre il doppio break, chiudendo il match e avendo 10 minuti per trovare il bonus. Un brutto errore in presa alta di Phipps regala una touche in attacco alla Fiji e poco dopo arriva anche il giallo a Kuridrani, che lascia l’Australia in 14. Si avvicina, così, l’ottantesimo senza che i Wallabies possano rendersi pericolosi. Così niente da fare, finisce 28-13 e per l’Australia solo 4 punti.

AUSTRALIA – FIJI 28-13
Mercoledì 23 settembre, ore 17.45 – Millennium Stadium, Cardiff
Australia: 15 Israel Folau, 14 Adam Ashley-Cooper, 13 Tevita Kuridrani, 12 Matt Giteau, 11 Rob Horne, 10 Bernard Foley, 9 Will Genia, 8 David Pocock, 7 Michael Hooper, 6 Scott Fardy, 5 Rob Simmons, 4 Kane Douglas, 3 Sekope Kepu, 2 Stephen Moore, 1 Scott Sio
In panchina: 16 Tatafu Polota-Nau, 17 James Slipper, 18 Greg Holmes, 19 Will Skelton, 20 Dean Mumm, 21 Nick Phipps, 22 Matt Toomua, 23 Kurtley Beale
Fiji: 15 Metuisela Talebula, 14 Waisea Nayacalevu, 13 Vereniki Goneva, 12 Gabiriele Lovobalavu, 11 Nemani Nadolo, 10 Ben Volavola, 9 Nikola Matawalu, 8 Netani Talei, 7 Akapusi Qera, 6 Peceli Yato, 5 Leone Nakarawa, 4 Tevita Cavubati, 3 Manasa Saulo, 2 Tuapati Talemaitoga, 1 Campese Ma’afu
In panchina: 16 Viliame Veikoso, 17 Peni Ravai, 18 Isei Colati, 19 Nemia Soqeta, 20 Malakai Ravulo, 21 Nemia Kenatale, 22 Josh Matavesi, 23 Aseli Tikoirotuma
Arbitro: Glen Jackson
Marcatori: 10′ cp. Foley, 21′ cp. Nadolo, 27′ m. Pocock tr. Foley, 32′ m. Pocock, 39′ cp. Foley, 43′ m. Kepu tr. Foley, 47′ cp. Nadolo, 60′ m. Volavola tr. Nadolo, 70′ cp. Foley
Cartellini gialli: 30′ Ma’afu, 73′ Kuridrani