Follie ovali: Sud Africa fuori dai Mondiali per le “quote nere”?

L’iniziativa è di un partito, l’Agency for New Agenda, composto da ex componenti dell’ala più estrema dell’ANC.

Togliere i passaporti ai giocatori e allo staff degli Springboks, impedendo loro di partecipare alla prossima Coppa del Mondo. La richiesta folle arriva dall’ANA, l’Agency for New Agenda, un partito politico nato un anno fa (e che, al momento, non ha partecipato ad alcuna elezione) e composto da esponenti che facevano parte dell’ala più estremista dell’ANC, il primo partito del Paese. Un partito, ovviamente, vicino alle istanze dei cittadini di colore.

Come avevamo sottolineato al momento dell’annuncio delle convocazioni per i Mondiali, le scelte di Meyer avrebbero riacceso le solite polemiche sulle “quote nere” e così è successo. L’ANA, infatti, ha dichiarato che “l’azione è fatta per difendere la nostra costituzione e per buttare nella spazzatura ciò che resta del razzismo e della discriminazione”. Motivo i pochi giocatori “non bianchi” nella lista dei 31 convocati per “Inghilterra 2015”.

Durissimo Edward Mahlomola Mokhoanatse, Presidente dell’ANA, che ha parlato di “convocazioni fatte su criteri razzisti e in favore dei bianchi” e, per questo, ha denunciato la Federazione sudafricana, il Ministro dello Sport e si è rivolto anche alla World Rugby.

I Video di Blogo

Il video degli sciatori ammassati nella funivia a Cervinia