Test Match: Italrugby, il XV in campo a Edimburgo

Jacques Brunel ha annunciato la formazione per la sfida contro la Scozia, penultimo appuntamento prima della Coppa del Mondo di rugby.

Nasconde ancora le carte Jacques Brunel, che dà minuti a molti azzurri non impegnati a Torino, ma ancora non mette in campo il XV ideale dell’Italrugby. A estremo c’è Luke McLean, titolare dello spot, mentre alle ali vengono testati Esposito e Sarto, con la coppia di centri migliore con Morisi e Campagnaro.

Otto novità nel XV titolare scelto dal Commissario Tecnico per il secondo impegno contro gli scozzesi a distanza di una settimana. Dopo la sconfitta di misura (12-16) subita a Torino e l’ufficializzazione dei 31 convocati per la Rugby World Cup del mese prossimo in Inghilterra, Brunel da spazio dall’inizio a molti de giocatori rimasti in tribuna o partiti dalla panchina all’Olimpico.

I gradi di capitano vanno per la trasferta oltre il Vallo d’Adriano a Leonardo Ghiraldini, tallonatore dei Leicester Tigers alla settantasettesima volta in carriera con la maglia della Nazionale: per il numero due padovano di scuola Petrarca è la nona gara da skipper di Italrugby.

Confermata la mediana con Allan e Palazzani – Gori deve ancora scontare un incontro di squalifica e tornerà disponibile per l’ultimo test pre-Mondiale del 5 settembre a Cardiff contro il Galles – il resto della linea dei trequarti viene rivoluzionato, con il solo Sarto che conserva il posto da titolare all’ala: McLean taglia il traguardo delle settanta apparizioni internazionali vestendo la maglia di estremo, Esposito completa il triangolo allargato tornando in azzurro dopo oltre un anno di assenza e si ricostituisce la giovane coppia di centri con Morisi e Campagnaro, quest’ultimo al rientro sulla scena dei test-match dopo l’infortunio subito nel turno inaugurale del 6 Nazioni 2015.

In terza linea nessuna novità, con Vunisa Minto e Zanni che partono nuovamente dall’inizio lasciando ancora un turno di riposo a Sergio Parisse, mentre in seconda linea Brunel lancia dall’inizio la coppia inedita Furno-Fuser, con il giovane della Benetton Treviso alla prima da titolare in un test-match.

In prima linea Aguero mantiene il posto a sinistra, con Castrogiovanni che ritorna in maglia numero tre dopo essere entrato nella ripresa a Torino. Il barbuto pilone del Racing ’92 raggiunge Parisse e Bortolami nella classifica degli Azzurri più presenti di sempre conquistando il cap numero 112.

Per la panchina Brunel conferma la formula con cinque avanti, una mediana di riserva ed un utility back inserendo in lista gara tra gli uomini di mischia il tallonatore Andrea Manici, i piloni Michele Rizzo e Dario Chistolini, Quintin Geldenhuys in seconda linea e Mauro Bergamasco in terza; in mediana i due giovani Marcello Violi e Carlo Canna, dopo aver debuttato in azzurro a Torino, cercano maggiore minutaggio nella seconda sfida di avvicinamento alla rassegna iridata mentre il veterano Andrea Masi può coprire a partita in corso tutti i ruoli della linea arretrata.

ITALIA
15 Luke McLean, 14 Angelo Esposito, 13 Michele Campagnaro, 12 Luca Morisi, 11 Leonardo Sarto, 10 Tommaso Allan, 9 Guglielmo Palazzani, Samuela Vunisa, Francesco Minto, Alessandro Zanni, Josh Furno, Marco Fuser, Martin Castrogiovanni, Leonardo Ghiraldini, Matias Aguero
In panchina: Andrea Manici, Michele Rizzo, Dario Chistolini, Quintin Geldenhuys, Mauro Bergamasco, Marcello Violi, Carlo Canna, Andrea Masi