Lecce: rapine in banca e droga, 14 arresti

Il narcotraffico salentino finanziato con le rapine in banca. È stato smantellato dai carabinieri del comando provinciale di Lecce un gruppo criminale che, secondo l’attività di indagine, riciclava il bottino delle rapine negli istituti di credito nel traffico di cocaina e hashish. In tutto le persone arrestate nel blitz, che ha riguardato il Salento e

di remar


Il narcotraffico salentino finanziato con le rapine in banca. È stato smantellato dai carabinieri del comando provinciale di Lecce un gruppo criminale che, secondo l’attività di indagine, riciclava il bottino delle rapine negli istituti di credito nel traffico di cocaina e hashish.

In tutto le persone arrestate nel blitz, che ha riguardato il Salento e il Nord Barese, sono 14. Per loro l’accusa è di associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti e concorso in rapina a mano armata. 

Nell’operazione sono stati impegnati un centinaio di carabinieri del Comando provinciale di Lecce, unità cinofile antidroga e la Compagnia d’intervento operativo. Una delle persone arrestate, originario del barlettano ma residente a Monteroni, avrebbe legami con la Sacra Corona Unita.

Scrive La Gazzetta del Mezzogiorno:

Sono 11 – secondo gli investigatori – gli assalti armati in banca messi a segno in poco più di tre mesi da ‘professionisti’, anche «importati» da altre zone della Puglia. (…) Sono stati sequestrati nel corso dell’indagine, durata un anno e diretta dalla procura di Lecce, un chilogrammo di hashish e poco più di 250 grammi di cocaina. Altre 12 persone sono state denunciate in stato di libertà. Nell’inchiesta figurava anche il pregiudicato leccese Antonio Giannone, detto ‘Palla’, che è stato ucciso in un agguato il 6 aprile 2009.

Via | Il tacco d’Italia

I Video di Blogo