Termini Imerese, droga: arresti, sgominate 3 baby gang nell’operazione Piazza pulita

Duecento uomini della Guardia di Finanza della Compagnia di Termini Imerese e del gruppo di Monreale (Palermo), con l’ausilio di unità cinofile antidroga ed elicotteri, hanno eseguito ventidue misure cautelari per spaccio di droga nei confronti di altrettanti giovani e giovanissimi, emesse dall’Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Termini Imerese. L’operazione

di remar


Duecento uomini della Guardia di Finanza della Compagnia di Termini Imerese e del gruppo di Monreale (Palermo), con l’ausilio di unità cinofile antidroga ed elicotteri, hanno eseguito ventidue misure cautelari per spaccio di droga nei confronti di altrettanti giovani e giovanissimi, emesse dall’Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Termini Imerese.

L’operazione “Piazza Pulita”, ha interessato anche Trabia, Altavilla Milicia, Casteldaccia, Bagheria e la provincia di Padova. Secondo l’attività di indagine erano tre le organizzazioni criminali dedite allo spaccio di hashish e marijuana, composte da ragazzi di giovane età: ognuno aveva i propri canali di rifornimento e le proprie “zone franche” in cui smerciare la droga.

L’approvvigionamento degli stupefacenti avveniva soprattutto nei quartieri palermitani di Bonagia e Falsomiele. In alcuni casi come corrieri sarebbero stati utilizzati anche minorenni, organici ai gruppi di baby spacciatori.

Da Live Sicilia:

Le “piccole consorterie” criminali, sgominate dall’odierna operazione antidroga, vantavano per l’approvvigionamento degli stupefacenti anche “collegamenti” con il Nord Italia (Emilia Romagna e Veneto) dove qualche amico di origine termitana si era trasferito in cerca di lavoro. Le bande di ragazzi – qualcuno dei quali con precedenti specifici – provvedevano poi a smerciare lo stupefacente avvalendosi di una fitta e collaudata rete di pushers che operava principalmente in prossimità della Piazza Duomo di Termini Imerese, nelle vie centrali della cittadina, nei locali notturni del “Belvedere”, all’interno della Villa Palmeri, nei vicoli antistanti la zona termale nonche’ in altri luoghi di ritrovo dei giovani, comprese le locali scuole superiori.

Via | GdS