Andate a quel paese: dal Palio del Saracino a Nepi alla Sagra del Lattarino a Marta

Se non sapete che pesci prendere, andate a Marta (Vt) per la sagra del lattarino. Il calendario la segnala il 30 e 31 maggio anche se il momento clou della festa è previsto domenica. Non a caso, la manifestazione è talmente ghiotta per gli abitanti e per i turisti, che una grande padella di 13

Se non sapete che pesci prendere, andate a Marta (Vt) per la sagra del lattarino. Il calendario la segnala il 30 e 31 maggio anche se il momento clou della festa è previsto domenica. Non a caso, la manifestazione è talmente ghiotta per gli abitanti e per i turisti, che una grande padella di 13 metri di diametro troneggia su un piedistallo nel parco. Accoglierà: 1200 litri di olio, oltre 18 quintali di piccoli lattarini lanciati appena pescati e infarinati. Il fritto non avrà neppure il tempo di raffreddarsi. Attenzione però: mangiate il lattarino intero, compresa la testa. Poi largo alle danze e al corteo storico, con partenza da piazza San Pietro.

X festa della rosa a Lanuvio (Rm): due giorni (30 e 31 maggio) dedicate alla mostra espositiva dei vivaisti, una visita guidata nel centro storico, la presentazione di due mostre, la 6a edizione di “Artisti in Piazza” e (domenica) l’arrivo presso largo Vittime di Brescia del gruppo “Vespa Motor Incontro” presso piazza C. Fontana. Spetta al concerto rock il compito di chiudere la manifestazione (info: tel. 348-7717845).

Preferite la 27ima Sagra della Fregnaccia a Montatola (Ri)? Allora organizzatevi per il 31 maggio. Giorno in cui chiuderanno i battendi della Sagra della Tellina a Passoscuro (Rm) che propone tornei di burraco, liscio e balli di gruppo, nelle tre piazze principali. Serata cabaret alle 21 di domenica con la partecipazione straordinaria di Dado (info: tel. 328-4566430).

Vi gusta sedere “A tavola con Lucrezia Borgia”? Se volete apprezzare un menu rinascimentale, dal 2 giugno garantiscono Maurizio Bianchini e Patrizia Vannucchi del ristorante Casa Tuscia, chiamati a far rivivere un banchetto rinascimentale in compagnia di Lucrezia e del suo sciame fato di uomini d’arme e popolani, alla corte del castello di Nepi (Vt). Dove, fino al 21 giugno, si anima il Palio del Saracino. Visite gratuite al castello, “corsa degli arieti”, “tiro alla fune” e “corsa dei curoji”, in una giostra di gare che vedono uomini e donne lanciarsi contro il simbolo di una casta chiusa nei propri privilegi (info: tel. 0761-555070).