Mario Monti e il gruppo Bilderberg: «Magari qualche italiano ci andasse»

Il commento dopo le critiche

di guido

L’appartenenza di Mario Monti al Gruppo Bilderberg, così come alla “Trilaterale”, è diventato un argomento di dibattito e polemiche da quando il professore è diventato premier. I “complottisti” sostengono che non solo Monti faccia parte del Gruppo che controlla l’economia e la politica a livello globale, ma che proprio per questo sia arrivato a Palazzo Chigi. Finora il premier non si era espresso in materia, anche se Il Giornale aveva denunciato i tentativi di censura su Wikipedia dei collegamenti tra Monti e il gruppo. Ora il professore ne parla apertamente e in termini lusinghieri al forum dell’Ansa.

Il club Bilderberg non è una setta segreta. È un club di economisti e uomini della finanza che periodicamente si riuniscono per esaminare la situazione economica mondiale. Magari qualche politico italiano ci andasse! Ci aiuterebbe ad uscire da un isolamento politico e culturale italiano

Monti non fa mistero di aver partecipato ad alcune delle riunioni, ma nega che si tratti di una setta a cui appartiene.

Le riunioni? Ci sono stati nel corso del tempo degli incontri al quale ho partecipato. Negli ultimi anni, che io ci fossi o non ci fossi, ci sono stati altri italiani: da Lilli Gruber a Giulio Tremonti, Tommaso Padoa Schioppa, Mario Draghi, Enrico Letta


Nei giorni scorsi, la questione Bilderberg è tornata d’attualità anche a causa di un cosiddetto “flooding” di commenti sulla pagina Facebook del Professore relativi proprio alla vicenda della cena dello scorso novembre a Roma, a cui avrebbe partecipato anche il premier. Sotto ogni post pubblicato su Facebook, nei giorni scorsi sono cominciati ad apparire commenti identici

vogliamo sapere cosa vi siete detti il 13 novembre nella riunione segreta di Bildeberg

accomunati tutti dallo stesso refuso (Bildeberg invece di Bilderberg), che hanno fatto pensare a una contestazione organizzata a suon di copia e incolla. Sospetto confermato da uno dei commenti a questo post, in cui sotto alla frase sempre uguale compare anche la dicitura “Puoi fare direttamente copia-incolla”, evidentemente copincollata per troppo zelo dall’utente in questione.

Foto © Getty Images