Caserta, carabiniere sventa rapina e viene ucciso: caccia ai banditi

L’appuntato dei carabinieri Tiziano Della Ratta è rimasto ucciso in un conflitto a fuoco con alcuni rapinatori che avevano tentato un colpo in una gioielleria nel Casertano. Due dei quattro banditi sono ancora latitanti.

Scene da far west alle porte di Caserta, una tentata rapina è finita in tragedia nel pomeriggio di ieri in una gioielleria di Maddaloni. Erano da poco passate le 18 quando due banditi si sono finti clienti e sono riusciti a farsi aprire la porta della gioielleria. Una volta dentro, armi alla mano, hanno iniziato a fare razzia di tutti gli oggetti di valore.

In pochi istanti una pattuglia dei carabinieri in forza al nucleo operativo della compagnia di Maddaloni arriva sul posto e interrompe il colpo. Parte il conflitto a fuoco, coi banditi che non ci pensano due volte prima di sparare e i due militari che rispondono ai colpi. L’appuntato Tiziano Della Ratta, 35 anni, viene ucciso all’istante, mentre il suo collega, il maresciallo Domenico Trombetta, viene ferito in modo non grave.

Anche due dei rapinatori rimangono feriti nello scontro, l’uomo e la donna che erano entrati nella gioielleria, mentre i due complici che li attendevano fuori dal locale a bordo di una Fiat Uno bianca sono riusciti a fuggire facendo perdere le loro tracce.

Per Della Ratta non c’è stato nulla da fare, mentre Trombetta e i due banditi rimasti feriti sono stati condotti in ospedale, nessuno in pericolo di vita. I due malviventi, forse responsabili di altre rapine nella stessa zona, si sono chiusi nel silenzio e non hanno nemmeno fornito le loro generalità, anche se la loro identificazioni sarà soltanto questione di ore.

Degli altri due ancora nessuna traccia. Posti di blocco sono stati istituiti fin dai primi istanti in tutta l’area di Maddaloni e col passare delle ore sono stati allargati in tutta la provincia. La loro fuga non dovrebbe durare a lungo. Pur trattandosi di criminali esperti, gli inquirenti sospettano che facciano parte di una banda ben più numerosa, di cui alcuni membri erano già finiti in manette il mese scorso.

Le indagini e le ricerche proseguono.

Foto ©Getty Images – Tutti i diritti riservati