Giardino del Quirinale: Il nasone che perde (perenne)

Che siano giardini piuttosto trascurati, nonostante la splendida posizione ed il valore storico-artistico, è tristemente noto. Il piccolo angolo verde, che circonda la statua equestre di Carlo Alberto, versa sempre in uno stato di incomprensibile semi-abbandono. Basta risalire e scendere la doppia scalinata alle sue spalle per rendersene conto.Che poi il nasone al suo interno


Che siano giardini piuttosto trascurati, nonostante la splendida posizione ed il valore storico-artistico, è tristemente noto. Il piccolo angolo verde, che circonda la statua equestre di Carlo Alberto, versa sempre in uno stato di incomprensibile semi-abbandono. Basta risalire e scendere la doppia scalinata alle sue spalle per rendersene conto.

Che poi il nasone al suo interno versi acqua costante senza trovare una decente via di scolo, così da formare un laghetto perenne, fa proprio incavolare. Viene persino il sospetto che tutta quell’acqua stagnante possa avere a che fare con le infiltrazioni che abbiamo denunciato all’interno del Traforo Umberto I. In ogni caso, prima di ricominciare a litigare sui rubinetti e sulla pressione dell’acqua dei (pochi ormai) nasoni romani, ci piacerebbe veder funzionare condutture e tombini.

il nasone dei giardini del Quirinale
il nasone dei giardini del Quirinale
il nasone dei giardini del Quirinale