Omicidio Luigi Giustolisi a Catania: le indagini

L’obiettivo dei sicari era una sola persona. È una delle ipotesi al vaglio dei carabinieri e della Dda che stanno indagando sull’agguato consumatosi nella notte a cavallo tra il 27 e il 28 agosto a Catania in via Medaglie d’oro.I Killer avrebbero avuto come unico bersaglio Michele Beninato, 23 anni, rimasto ferito. È riuscito a

di remar


L’obiettivo dei sicari era una sola persona. È una delle ipotesi al vaglio dei carabinieri e della Dda che stanno indagando sull’agguato consumatosi nella notte a cavallo tra il 27 e il 28 agosto a Catania in via Medaglie d’oro.

I Killer avrebbero avuto come unico bersaglio Michele Beninato, 23 anni, rimasto ferito. È riuscito a sfuggire ai sicari trovando riparo nell’abitazione di uno sconosciuto che gli ha aperto la porta cui il giovane aveva bussato chiedendo aiuto. Scrive Sicilia Informazioni:

in base a questa tesi, ritengono estranei alla vicenda Luigi Giustolisi, di 21 anni, rimasto ucciso nella sparatoria, e Michele Di Mauro, di 30, ferito perché scambiato per Beninato dai sicari. Secondo questa ricostruzione, Giustolisti avrebbe avuto soltanto la colpa di avere dato un passaggio in moto al vero obiettivo del gruppo di fuoco, Di Mauro di essere scambiato per Beninato cercavano per ucciderlo dopo averlo ferito. La Procura ha ribadito che il metodo del delitto fa pensare che sia di stampo di mafioso ma ha precisato che Giustolisi è assolutamente estraneo ad ambienti criminali.

Il ventunenne è stato colpito da due proiettili calibro 7.65 che l’hanno raggiunto alla spalla e al polmone. I funerali si svolgeranno domani nella chiesa di Santa Maria La Guardia.

Via | Catania Oggi