Gaffe ovali: la Fir riconosce la rugby league. Ma senza autorità per farlo

La federazione internazionale di rugby league ha accusato la Fir di aver illegittimamente riconosciuto l’IRFL. Ecco il comunicato.

Il 14 Aprile 2015 il Rugby Union Italiano (FIR) ha pubblicato il comunicato “no. 7″ all’interno del quale ha “riconosciuto” che un associazione di nome Lega Italiana Rugby Football League (LIRFL) è stata incaricata a gestire il rugby league e il rugby league 9s, in nome e per conto della FIR stessa.

“La RLIF (Federazione Internazionale di Rugby League) respinge categoricamente qualsiasi intromissione sulla sovranità del Rugby League e considera di conseguenza l’azione della FIR, illegittima. La RLIF è l’unico organo internazionale ad avere la responsabilità e il potere di gestire il Rugby League Mondiale, di dettare gli Standard Internazionali, le regole del gioco, i regolamenti esecutivi e tutto ciò che sia Rugby League.

Tutte queste prassi vengono diffuse dalla RLIF, dalle Confederazioni Regionali e dai Membri Affiliati ad esse.

In Italia, l’unica autorità legittimata a gestire e sviluppare lo sport del Rugby League è la Federazione Italiana Rugby League (FIRL).

“La FIR non ha giurisdizione nello Sport del Rugby League e la RLIF ha scritto al Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI), la FIR e la World Rugby, per chiarire e confermare tutto ciò. L’associazione conosciuta come LIRFL, è, perciò un’entità di Rugby Union senza legittimità, autorità o credibilità nella comunità del Rugby League.


I Video di Blogo