Eroica 2012: aperte le iscrizioni per il prossimo 7 ottobre

L’iscrizione alla “gara più pazza della Toscana” è limitata a 2.200 partecipanti italiani + 800 stranieri. Le iscrizioni si aprono il 1 marzo 2012 e il costo è di 35 euro (ci sono iscrizioni di solidarietà aperte il 15 maggio e il 6 agosto a rispettivamente 100 e 130 euro).

di trab



L’Eroica è ormai una gara culto. Si tratta di una cicloturistica amatoriale per biciclette vintage che ogni anno riempie le colline e le strade bianche di Gaiole in Chianti e dintorni di vari personaggi: dal bischero, al vecchio leone, fino a giovani che amano le vecchie bici. Non si vince niente, ma si partecipa per il gusto di fare parte di una epica sfida che evoca le imprese dei grandi ciclisti del passato. Si suda parecchio, si bucano le ruote e si solidarizza a bordo strada, sempre sterrata.

All’Eroica sono ammessi solo ciclisti dotati di bici eroiche, ovvero: da corsa su strada costruite prima del 1987, con telaio in acciaio, con leve del cambio sul tubo obliquo del telaio, con pedali muniti di fermapiedi e cinghietti, con il passaggio dei fili dei freni esterno al manubrio. I percorsi previsti sono quattro: 205, 135, 75 e 38 kilometri. Per i due percorsi lunghi si parte scaglionati dalle 5 alle 7 di mattina, per i brevi dalle 8.30 alle 10. Si può scegliere un percorso solo al momento dell’iscrizione e si può cambiare idea fino al momento della partenza.

L’iscrizione è limitata a 2.200 partecipanti italiani + 800 stranieri. Le iscrizioni si aprono il 1 marzo 2012 e il costo è di 35 euro (ci sono iscrizioni di solidarietà aperte il 15 maggio e il 6 agosto a rispettivamente 100 e 130 euro). Lungo i percorsi ci sono dei punti ristoro dove i ciclisti possono fermarsi per mangiare e bere (vino incluso). Comunque il regolamento lo trovate QUI)”>. Quelli di No Border ci sono stati e hanno commentato così:

Quello che il regolamento dell’Eroica 2012 non dice è che, se deciderete di partecipare, poche altre volte nella vostra vita vi divertirete così tanto a pedalare su strade in salita (MOLTO in salita), circondati da ciclisti pazzi come voi che, al posto di pedalare e basta: commenteranno, bestemmieranno, saluteranno, si fermeranno, risaliranno in sella, si addormenteranno a bordo strada e arriveranno sfiniti al traguardo.

Dopo il salto il documentario trasmesso su Deejay Tv.