Affari italiani: Falzone, Facebook gli costa un anno di stop

L’arbitro inibito fino a 31 luglio 2015 per i commenti sui social dopo la finale d’Eccellenza.

Dei commenti privati postati su Facebook a poche ore dalla finale d’Eccellenza tra Calvisano e Rovigo, diventati rapidamente pubblici. Frasi critiche nei confronti dell’arbitro della partita di cui lui era TMO, frasi che sono finite sotto indagine federale (qui la cronaca di un anno fa). E, ora, la sentenza che riguarda Alan Falzone.

E il Tribunale Federale ha inibito l’arbitro fino al 31 luglio 2015, quindi fermandolo di fatto per un anno, visto che sino a ora Falzone non era più sceso in campo. Una punizione pesante per una storia gestita male fin dall’inizio. Da tutti.


I Video di Blogo