Eccellenza: Panico Calvisano, vince Rovigo

Si è giocato il tredicesimo turno del massimo campionato italiano di rugby.

Un cartellino rosso al 26′ a Sami Panico e un Rovigo già in controllo può dilagare e imporsi nel big match contro il Calvisano. Nelle altre partite vittorie per le Fiamme Oro, per San Donà, Viadana e Mogliano. Così in classifica c’è un trio in vetta e in fuga.

Al Battaglini il Femi-Cz Rovigo centra una importante vittoria superando per 44-13 i campioni d’Italia del Cammi. Partita molto bella nel primo tempo con il Rovigo abile ad imprimere al match un alto forsennato. Al 5’ la prima meta dei padroni di casa con Basson, cui replicava Majstorovic dopo 5 minuti di gioco. Sul 14-0 era Seymour a muovere lo score per il Calvisano con un piazzato dai 30 metri. Al 23’ il direttore di gara scozzese White sanzionava Panico (Calvisano) con un cartellino rosso. Ne approfittava subito il Rovigo che due minuti dopo con Ferro marcava la meta del 21-3. Prima del fischio di chiusura del primo tempo il Cammi vedeva premiare gli sforzi del pacchetto con la concessione di una meta di punizione (p.t. 24-10). Nel secondo tempo il ritmo calava ed era la volta dei calciatori mettere tra i pali alcuni piazzati. Sul 30-13 De Marchi sfruttava una spinta della mischia rosso blu e segnava la meta del 37-13. C’era ancora il tempo per un’azione personale di Majstorovic che schiacciava in mezzo ai pali per il definitivo 44-13.

Il Marchiol Mogliano vince la gara contro il Petrarca Padova per 21-15 segando solo due mete con Riccardo Pavan e Van Zyl. Derby tattico e molto chiuso giocato soprattutto con la mischia. L’indisciplina delle due formazioni ha permesso ai piazzatori Barraud (4/6) e Fadalti (3/5) e Menniti Ippolito (2/2) di muovere il risultato.

A Roma Le Fiamme Oro si aggiudicano un derby sempre acceso e combattuto risolto nel secondo tempo dalla precisione di Benetti (15 punti che si sommano ai 9 del primo tempo), punizioni assegnate dal direttore di gara Vivarini per falli ripetuti della Lazio. Le uniche mete sono state segnate da Sapuppo (FF.OO) e da Fabrizio Sepe (Lazio) ed una meta di punizione per crollo della mischia delle Fiamme oro.

Il Rugby Viadana fa il suo compito e batte con bonus l’Aquila Rugby Club per 38-15. Il risultato prende sostanza tuttavia nei 10 muniti finali quando gli abruzzesi pagano lo sforzo profuso per restare nel match (24-15 al 73’). Poi la meta di Amadasi e quella di McKinley in pieno recupero danno il bonus ai lombardi che restano a 4 lunghezze dal San Donà.

Il Lafert San Donà non ha avuto problemi a superare il fanalino di coda Cavalieri Prato (20-35) centrando il bonus e mantenendo invariato il distacco dalla quinta in classifica. Partita chiusa nella prima frazione di gioco sul 21-3 grazie alle mete di Koroi, Iovu e Vian. Per il Prato due mete con Marchetto e Bernardo.

Eccellenza – Tredicesima giornata

Femi-Cz Rovigo – Cammi Calvisano 44-13
Fiamme Oro Roma – Ima Lazio 32-21
I Cavalieri Prato – Lafert San Donà 20-35
Viadana – L’Aquila 31-15
Marchiol Mogliano – Petrarca Padova 21-15

Eccellenza – Classifica

Calvisano, Rovigo, Mogliano 51; San Donà 39; Viadana 35; Fiamme Oro 33; Petrarca 28; Lazio 22; L’Aquila 5; Prato 0


Foto | Elena Barbini

I Video di Blogo

Il video degli sciatori ammassati nella funivia a Cervinia