Suicidio al Cie di Ponte di Galeria

Ieri mattina alle ore 6,45 è stato trovato il corpo esanime di una 49enne tunisina all’interno del Cie di Ponte Galeria. Quello che a quanto pare è risultato essere un suicidio costituisce il secondo caso di decesso in questa struttura negli ultimi sessanta giorni, dopo il caso del tunisino morto nella notte tra il 18

Ieri mattina alle ore 6,45 è stato trovato il corpo esanime di una 49enne tunisina all’interno del Cie di Ponte Galeria. Quello che a quanto pare è risultato essere un suicidio costituisce il secondo caso di decesso in questa struttura negli ultimi sessanta giorni, dopo il caso del tunisino morto nella notte tra il 18 e il 19 marzo.

Secondo il direttore del comitato provinciale della Croce Rossa Italiana, Claudio Iocchi, la donna non aveva manifestato in precedenza alcun segno di depressione o squilibrio che potesse far pensare ad un gesto così estremo. Ovviamente non hanno tardato a manifestarsi le polemiche su questi Centri di Identificazione ed Espulsione (già Cpt) spesso accostati a dei veri e propri lager.

Ora, che lo stato italiano abbia la necessità di dover identificare i cittadini extracomunitari è sacrosanto, ma in quali condizioni questi ultimi devono sopportare tutto ciò?

Foto | McAllenBrothers