A Roma grande calo del consumo e dei prezzi della carne di maiale

Non ci vogliono gli esperti di prezzatura di Occhio alla Spesa per rendersi conto, anche solo facendo un giro per un mercato romano (di quelli veri, da piazza Alessandria in già, per sciccheria), che i prezzi della carne di maiale sono in discesa libera, e che la gente non ha più fiducia nel consumo di


Non ci vogliono gli esperti di prezzatura di Occhio alla Spesa per rendersi conto, anche solo facendo un giro per un mercato romano (di quelli veri, da piazza Alessandria in già, per sciccheria), che i prezzi della carne di maiale sono in discesa libera, e che la gente non ha più fiducia nel consumo di essa. Si parla di meno di 4 euro al chilo.

Tutto questo, nonostante non ci siano troppi motivi per temerne conseguenze sanitarie, visto che non soltanto il virus della cosiddetta influenza suina non si trasmette da animale a uomo, ma soprattutto perché lo stesso maiale potrebbe essere lungi dall’essere realmente colpevole di essere l’untore di questa quasi-pandemia.

La porchetta di Ariccia ha bisogno di noi.