Sei Nazioni 2014: l’Irlanda espugna Parigi ed è campione!

Si è concluso a Parigi l’RBS 6 Nazioni 2014, con una splendida battaglia tra la Francia e l’Irlanda.

Battaglia vera, durissima, quella di Parigi tra Francia e Irlanda. I padroni di casa per la gloria e il secondo posto, gli ospiti per dare l’addio a Brian O’Driscoll alzando la coppa. E una battaglia che dura 80 minuti prima che si possa conoscere chi vince il Sei Nazioni 2014.

Pronti, via e Francia che mette i primi tre punti dalla piazzola con Machenaud, che sfrutta il primo errore irlandese. Francia che spinge con i suoi trequarti, cerca di mettere in difficoltà l’Irlanda, che però reagisce con una mischia dominante, ma è la Francia a fare il match in questa prima parte del match. Così al 14′ è ancora Machenaud a muovere il tabellino e a portare la Francia a +6.

Gli ospiti si svegliano allo scadere del primo quarto di gara, azione lunga e abrasiva e, alla fine, è Jonathan Sexton a lanciarsi oltre la meta per i primi punti irlandesi. E al 25′, dopo che Picamoles perde malamente un pallone in avanti, arriva la meta del sorpasso dell’Irlanda con Andrew Trimble che buca centralmente alla fine di un’azione nata da una mischia dominante degli ospiti. Risposta francese al 32′. Calcio di Talés all’ala, Huget schiaffeggia anticipando Kearney, Dulin raccoglie e schiaccia in meta per il nuovo vantaggio dei padroni di casa. Battaglia dura fino a fine primo tempo, quando un nuovo fallo di Domingo manda Sexton sulla piazzola, ma l’apertura sbaglia un piazzato facile e la Francia chiude in vantaggio 13-12 i primi 40 minuti.

Secondo tempo che inizia in blu, con la Francia che preme nella metà campo irlandese, ma all’ennesima palla persa è Kearney a dare il via al contropiede con Trimble, palla a O’Driscoll placcato, ruck, ovale a Sexton, seconda meta e vantaggio ospite per 19-13. Al 53′ è di nuovo la mischia irlandese a mettere in crisi la Francia, che fa fallo e Sexton questa volta non sbaglia e porta l’Irlanda oltre break. Continua, però, la grande battaglia tra due squadre che alternano folate al largo con ruvide ruck, ma si entra nell’ultimo quarto con l’Irlanda che difende i nove punti di vantaggio e la Francia che preme vicino ai 5 metri dalla meta.

Resiste, anche oltre il regolamento, l’Irlanda, ma al 63′ Szarzewski schiaccia di cattiveria contro il palo e Francia che torna a -2. Spinge la Francia, soffre l’Irlanda, con le due squadre stanche e ferite che si continuano a sfidare a metà campo. Fallo della mischia ospite al 70′, punizione per Doussain che, però, sbaglia ammutolendo lo Stade de France. Si entra negli ultimi 5 minuti, Irlanda che tiene la Francia lontana dalla zona pericolosa, ma ogni pallone può decidere match e Torneo. E a 90 secondi dal fischio finale va in meta la Francia, ma Steve Walsh chiede il TMO per un avanti netto dei padroni di casa e si spegne, così, la speranza dei padroni di casa.

FRANCIA – IRLANDA 20-22
Sabato 15 marzo, ore 18.00 – Stade de France, Parigi
Francia: 15 Brice Dulin, 14 Yoann Huget, 13 Mathieu Bastareaud, 12 Gaël Fickou, 11 Maxime Médard, 10 Remi Tálès, 9 Maxime Machenaud, 8 Damien Chouly, 7 Alexandre Lapandry, 6 Louis Picamoles, 5 Yoann Maestri, 4 Pascal Papé, 3 Nicolas Mas, 2 Dimitri Szarzewski, 1 Thomas Domingo
In panchina: 16 Guilhem Guirado, 17 Vincent Debaty, 18 Rabah Slimani, 19 Alexandre Flanquart, 20 Sébastien Vahaamahina, 21 Wenceslas Lauret, 22 Jean-Marc Doussain, 23 Maxime Mermoz
Irlanda: 15 Rob Kearney, 14 Andrew Trimble, 13 Brian O’Driscoll, 12 Gordon D’Arcy, 11 Dave Kearney, 10 Jonathan Sexton, 9 Conor Murray, 8 Jamie Heaslip, 7 Chris Henry, 6 Peter O’Mahony, 5 Paul O’Connell, 4 Devin Toner, 3 Mike Ross, 2 Rory Best, 1 Cian Healy
In panchina: 16 Sean Cronin, 17 Jack McGrath, 18 Martin Moore, 19 Iain Henderson, 20 Jordi Murphy, 21 Eoin Reddan, 22 Ian Madigan, 23 Fergus McFadden
Arbitro: Steve Walsh
Marcatori: 1′ cp. Machenaud, 14′ cp. Machenaud, 22′ m. Sexton, 26′ m. Trimble tr. Sexton, 32′ m. Dulin tr. Machenaud, 47′ m. Sexton tr. Sexton, 53′ cp. Sexton, 63′ m. Szarzewski tr. Machenaud

Credit image by Getty Images

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter @Google+