Francia: Dumoulin e quell’eredità pesantissima

Il centro dei Bleus ha confessato che suo padre naturale è Marc Cécillon, ex nazionale e assassino.

Il centro del Racing Métro e della Francia Alexander Dumoulin aveva un segreto nascosto per anni. Un segreto di quelli che pesano come macigni e che il giovane talento ha deciso di rendere pubblico in un’intervista rilasciata a Midi Olympique.

Alexandre Dumoulin, infatti, ha annunciato di essere il figlio illegittimo di Marc Cécillon. Per chi segue il rugby da prima dell’ingresso dell’Italia nel Sei Nazioni quel nome dice subito qualcosa. Cioè 46 caps con i Bleus, cinque volte da capitano e due Coppe del Mondo (1991 e 1995) giocate. Insomma, Dumoulin è figlio d’arte.

Ma su Cécillon, chiusa la carriera rugbistica, si sono addensate ombre pesantissime. Depressione e alcolismo hanno caratterizzato la sua “seconda vita”, arrivata al punto più basso nel 2004, quando Cécillon ha ucciso la moglie durante un party in Saint Savin e davanti a 60 persone. Condannato a 20 anni di galera, ridotte a 14 in appello, l’ex campione francese è uscito già nel 2011 (cioè dopo soli 7 anni!) con la condizionale. Insomma, Dumoulin ha un padre assassino.

Il centro del Racing Métro ha scoperto solo a 16 anni l’identità del padre, cresciuto dalla madre e dal patrigno e, come ha dichiarato lui stesso “non l’ho mai incontrato, né gli ho mai parlato o scritto”. Un segreto tenuto nascosto a lungo, ma oggi che il 25enne giocatore è arrivato in Nazionale egli ha deciso di volersi togliere un peso e raccontare tutto. “Lasciatelo in pace, lasciategli vivere la sua vita e la sua carriera. Il suo nome è Alexandre Dumoulin” ha detto Philippe Saint-André, mettendo la parole fine sulla faccenda.


I Video di Blogo

Il video degli sciatori ammassati nella funivia a Cervinia

Ultime notizie su Sei Nazioni

Tutto su Sei Nazioni →