Bari: lite con spari sul lungomare, fermato Lorenzo Siciliani

Un sorvegliato speciale di p.s. ritenuto dagli investigatori contiguo al clan Diomede, attivo nel quartiere Carrassi, è stato fermato per gli spari che hanno provocato tre feriti sul lungomare di Bari alla vigilia di ferragosto. Si tratta di Lorenzo Siciliani, 23 anni, indagato per i reati di tentato omicidio, lesioni personali aggravate dall’uso delle armi

di remar


Un sorvegliato speciale di p.s. ritenuto dagli investigatori contiguo al clan Diomede, attivo nel quartiere Carrassi, è stato fermato per gli spari che hanno provocato tre feriti sul lungomare di Bari alla vigilia di ferragosto. Si tratta di Lorenzo Siciliani, 23 anni, indagato per i reati di tentato omicidio, lesioni personali aggravate dall’uso delle armi e dai futili motivi, porto e detenzione di arma da fuoco.

Secondo la ricostruzione della squadra Mobile all’origine di tutto ci sarebbe una lite con un altro pregiudicato, rimasto illeso. Gli spari hanno invece ferito due passanti e il cognato di uno dei due pregiudicati, che era intervenuto per calmare le acque. Siciliani si trova ora nella casa circondariale a disposizione del pm di turno presso la Procura della Repubblica di Bari.

Foto | Bari Live