Rugby 7s: All Blacks, entro maggio i nomi per le Olimpiadi

Entro quattro mesi i neozelandesi dovranno scegliere il primo gruppo di giocatori per la formazione che andrà a Rio 2016.

julian-savea

Julian Savea, Liam Messam, Sonny Bill Williams, Charles Piutau, Ben Smith, Hosea Gear e Victor Vito. Sono questi gli All Blacks in lizza per un posto nella Nuova Zelanda 7s che punterà all’oro olimpico a Rio 2016. Ed entro maggio i giocatori dovranno confermare alla NZRU il proprio interesse a dedicarsi alla versione a sette della palla ovale per poter rientrare nel team olimpico.

Di questi, solo Sonny Bill Williams non ha un’esperienza passata nel rugby 7s, mentre tutti gli altri in passato – o a inizio carriera – hanno già vestito la maglia della nazionale neozelandese di rugby a sette. Entro fine maggio, come detto, la NZRU annuncerà il primo gruppo di giocatori che comprenderà specialisti del 7s, giocatori del Super Rugby e All Blacks, mentre ad agosto un gruppo allargato verrà sottoposto al Comitato Olimpico neozelandese e da questo – al 99% – uscirà la squadra di 12 giocatori che andrà a Rio.

L’obiettivo delle Olimpiadi diventerà primario per il rugby neozelandese dopo i Mondiali di settembre e, per questo, alcuni campionissimi All Blacks avranno la possibilità di dedicarsi al rugby 7s nei primi mesi del 2016, per essere pronti per Rio 2016. Ma non a tempo pieno, ma alternando il rugby a sette e quello del Super Rugby, anche se non verranno convocati ovviamente per gli impegni della nazionale di rugby a XV.

Una scelta, quella della NZRU, che evidenzia l’importanza sportiva, ma anche economica e mediatica dell’ingresso del rugby 7s alle Olimpiadi, un ingresso che ‘obbliga’ le federazioni più forti (e sveglie, ndr.) ad ampliare la propria rosa oltre agli specialisti del seven, sicuramente forti ma meno conosciuti a livello globale. Ed ecco, dunque, che a Rio vedremo non solo i campioni che si possono ammirare nelle World Series, ma anche molti nomi famosi del panorama mondiale della palla ovale.