Drug wars e informazione in Messico: arrestati 5 affiliati al cartello di Sinaloa, responsabili del rapimento di alcuni giornalisti

Solo pochi giorni fa il Washington Post si era occupato delle drug wars messicane e dell’informazione, sempre più controllata dai narcos che si contendono in dominio sul territorio.Gli agguati e le aggressioni non vengono segnalati ai cittadini, che restano all’oscuro dei pericoli che corrono. Questo perchè, ne parlavamo qui, i narcos riescono a corrompere giornalisti


Solo pochi giorni fa il Washington Post si era occupato delle drug wars messicane e dell’informazione, sempre più controllata dai narcos che si contendono in dominio sul territorio.

Gli agguati e le aggressioni non vengono segnalati ai cittadini, che restano all’oscuro dei pericoli che corrono. Questo perchè, ne parlavamo qui, i narcos riescono a corrompere giornalisti ed editori, a volte con denaro e prostitute, altre volte ricorrendo a terrorismo e rapimenti.

Ieri le autorità messicane sono riuscite ad arrestare cinque persone ritenute responsabili del rapimento di alcuni giornalisti, poi rilasciati.

Si tratta di quattro uomini e una donna, ritenuti affiliati al cartello di Sinaloa, che si aggiungono così agli altri quattro arresti, con le stesse accuse, dello scorso 4 agosto.

Luis Cárdenas, capo della divisione “Sicurezza Regionale” della polizia federale, nel riportare i dettagli di questa operazione ha rivelato che altre indagini simili sono in corso, ma, per ovvi motivi, non ha fornito ulteriori informazioni.

Via | El Nuevo Herald