Sei Nazioni 2014: l’Italia si illude un tempo, poi è blackout

Brutta sconfitta per gli azzurri a Parigi, dove la Francia domina totalmente il secondo tempo.

40 minuti per illudersi, sognare, poi bastano due folate francesi per spegnere la luce in casa Italia. Finisce malamente a Parigi, dove l’Italrugby soffre e difende per un tempo, resta vicino nel punteggio, ma poi crolla totalmente a inizio ripresa, con il match che si chiude nel giro di pochi minuti.

Molto gioco al piede a inizio match, con l’Italia che difende molto e tiene alta la pressione sulla Francia. Ma al primo attacco transalpino Parisse commette fallo e Doussain può andare sulla piazzola per il vantaggio, ma il mediano sbaglia clamorosamente. Continua, però, a essere fallosa l’Italia e la Francia torna ancora sulla piazzola, ma ancora sbaglia Doussain. Soffre l’Italia, preme la Francia, ma non trova spazi e Plisson prova un drop che esce. Regge il muro azzurro e dopo 11 minuti l’Italia alza la testa e prova ad attaccare lei, ottenendo una punizione da lontano che Garcia prova a piazzare. Ma è corto il calcio del centro. L’Italia si trova in touche sui propri 5 metri, fatica a vincere l’ovale, McLean si fa placcare e Francia che ha una mischia sui 5 metri. Ma la mischia azzurra domina quella francese e conquista una punizione.

L’Italia vince la battaglia in mischia, cerca di attaccare, conquista un altro fallo dalla distanza e Gonzalo Garcia torna sulla piazzola. Ma c’è la forza, non la precisione. Fallo di Gori che riporta la Francia nei 22 italiani, con i padroni di casa che ottengono solo una punizione e dopo 27 minuti arrivano i primi punti della partita. Immediata la reazione azzurra, bellissimo buco di Alberto De Marchi, fallo francese e Tommaso Allan impatta il risultato. Ancora è la prima linea azzurra a fare male ai francesi, Italia che attacca, Francia che fa fallo e Tommy Allan sbaglia malamente. Continua il grande equilibrio a Parigi, così come l’alternanza dei falli e quando l’Italia fa cadere la maul Doussain riporta i padroni di casa avanti dalla piazzola. Dopo la reazione italiana arriva l’affondo francese e al 39′ nuova punizione per i padroni di casa che possono allungare e non sbaglia Doussain per il 9-3 con cui si chiude il primo tempo.

Inizia forte la Francia, che dopo 3 minuti va in meta con Picamoles, nonostante un’ostruzione di Szarzewski e padroni di casa che volano oltre break. E passa poco che la Francia fa il bis. Parte Fofana, lascia lì gli azzurri, evita McLean e schiaccia in meta per il colpo del ko. Soffre l’Italia, che prova di reagire, ma i padroni di casa rischiano di fare tris. E quando l’Italia prova a reagire arriva l’intercetto transalpino, corsa velocissima e alla fine è Bonneval a schiaccare per la terza meta transalpina.

Si entra nell’ultimo quarto con la Francia che controlla e l’Italia che cerca di ritrovarsi, ma passano i minuti senza grandi emozioni a Parigi. Al 67′ si tuffa in meta Botes, ma va corto e il TMO nega almeno la soddisfazione di una marcatura all’Italia. Al 70′ giallo per Vahaamahina, che calcia via l’ovale dopo un fallo fischiato ai padroni di casa e Italia che cerca la meta. Al 72′ cartellino rosso per Rizzo e Forestier, che rischiano di chiudere qui il torneo. Chiude in attacco l’Italia, anche se ormai è inutile. E al 77′ è Iannone a fare la meta della bandiera, che fissa il punteggio sul 30-10.

FRANCIA – ITALIA 30-10
Domenica 9 febbraio, ore 16.00 – Stade de France, Parigi
Francia: 15 Brice Dulin, 14 Yoann Huget, 13 Mathieu Bastareaud, 12 Wesley Fofana, 11 Hugo Bonneval, 10 Jules Plisson, 9 Jean-Marc Doussain (61′ Maxime Machenaud), 8 Louis Picamoles (58′ Damien Chouly), 7 Bernard Le Roux, 6 Yannick Nyanga, 5 Yoann Maestri 4 Pascal Papé (68′ Sebastien Vahaamahina), 3 Nicolas Mas (49′ Rabah Slimani), 2 Dimitri Szarzewski (58′ Benjamin Kayser), 1 Thomas Domingo (49′ Yannick Forestier)
Italia: 15 Luke McLean, 14 Tommaso Iannone, 13 Michele Campagnaro, 12 Gonzalo Garcia, 11 Leonardo Sarto, 10 Tommaso Allan (64′ Luciano Orquera), 9 Edoardo Gori (64′ Tobias Botes), 8 Sergio Parisse, 7 Mauro Bergamasco, 6 Francesco Minto (52′ Alessandro Zanni), 5 Joshua Furno, 4 Quintin Geldenhuys (70′ Marco Bortolami), 3 Martin Castrogiovanni (59′ Lorenzo Cittadini), 2 Leonardo Ghiraldini (59′ Davide Giazzon), 1 Alberto De Marchi (59′ Michele Rizzo)
Arbitro: Jaco Peyper
Marcatori: 27′ cp. Doussain, 29′ cp. Allan, 35′ cp. Doussain, 39′ cp. Doussain, 43′ m. Picamoles tr. Doussain, 46′ m. Fofana tr. Doussain, 52′ m. Bonneval tr. Doussain, 77′ m. Iannone tr. Orquera
Cartellini gialli: 70′ Vahaamahina
Cartellini rossi: 72′ Rizzo, 72′ Forestier

credit image by Getty Images

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter @Google+