Somma Vesuviana, omicidio: Giovanni Acanfora uccide il fratello a coltellate

La tragedia si è consumata nella mattinata di ieri. Giovanni Acanfora, 39 anni, ha ucciso il fratello con sette fendenti inferti con un paio di forbici e con una mannaia. Tra i due era scoppiata una lite all’interno della casa familiare di Somma Vesuviana poi degenerata in furia omicida. All’arrivo dei carabinieri Giovanni Acanfora, ancora

di remar


La tragedia si è consumata nella mattinata di ieri. Giovanni Acanfora, 39 anni, ha ucciso il fratello con sette fendenti inferti con un paio di forbici e con una mannaia. Tra i due era scoppiata una lite all’interno della casa familiare di Somma Vesuviana poi degenerata in furia omicida.

All’arrivo dei carabinieri Giovanni Acanfora, ancora sotto shock e con le mani sporche di sangue, ha tentato di gettarsi sotto un’auto, prima di essere bloccato dai militari. Il fratello, Nicola, di 37 anni, è morto qualche ora dopo all’ospedale Loreto Mare. Da Il Mattino:

I due fratelli, orfani di padre ed entrambi con una storia difficile alle spalle, questa mattina hanno intrecciato l’ennesima lite. (…) Ancora da accertare i motivi dell’alterco, legati presumibilmente a questioni di eredità o alle reiterate richieste di soldi del maggiore alla madre.

Foto | Il Mattino