Affari italiani: Calvisano iridato, ma c’è un problema stadio

15 partite su 30 della World Rugby Junior Championship si disputeranno a Brescia, ma lo stadio non è pronto.

Sono state annunciate ieri date e sedi del prossimo Mondiale juniores di rugby. E la parte del leone la fa il Calvisano di Alfredo Gavazzi, con il paese bresciano che ospiterà il 50% dei match della manifestazione iridata. Una scelta che ha già scatenato polemiche, ma che – soprattutto – è stata fatta nonostante lo Stadio Peroni non sia a norma per la WRJC.

Per ospitare le semifinali dei Mondiali juniores, infatti, serve un impianto da almeno 5.000 posti, mentre il Peroni ne ha, a oggi, solo la metà. Entro pochi mesi, insomma, si deve costruire un’intera tribuna – coperta e fissa – più due curve. Con tempi ristretti e con costi non indifferenti. Come scrive il Giornale di Brescia, infatti, la spesa prevista si aggira attorno al milione di euro, che si aggiunge ai poco più di 400mila euro spesi (dalla Fir) pochi mesi fa per convertire il terreno in sintetico.

Quasi un milione e mezzo per mettere a posto lo stadio di Calvisano. Ma i soldi non ci sono ancora. Come scrive il quotidiano, infatti, una parte della spesa dovrebbe venir coperta dalla Regione Lombardia (cioè dai cittadini), ma l’altra non è ancora certa. Finanziamenti privati? Pubblici? Interverrà nuovamente la Fir di Alfredo Gavazzi? Una risposta a queste domande dovrà arrivare entro gennaio, altrimenti Calvisano rischia di perdere la RWJC. Una risposta che, però, dovrà spiegare anche se la spesa pubblica (istituzioni, federazione) di quasi 1,5 milioni di euro è giustificabile sul lungo termine, o se non si potevano disputare le semifinali in stadi già pronti, invece di ampliare quello di Calvisano.

“L’importante è avere il via libera per inizio febbraio poi in tre mesi noi i miracoli li sappiamo fare…” assicura Gianluigi Vaccari, ex presidente del Calvisano. Se no Calvisano perde i Mondiali e l’Italia ovale la faccia. Ma i miracoli si possono fare, basta che qualcuno ci metta i soldi. Vedremo chi.

[iframe width=”586″ height=”430″ src=”/poll/36″ frameborder=”0″]


Seguici su Google+

I Video di Blogo

Il video degli sciatori ammassati nella funivia a Cervinia