Rugby & Soldi: Inghilterra, Mondiali da 1 miliardo di sterline

Secondo uno studio sarà questo il valore aggiunto all’economia del Regno Unito della prossima Rugby World Cup.

2.2 miliardi di sterline che confluiranno nell’economia del Regno Unito, con un valore aggiunto di 982 milioni al PIL nazionale. 41mila posti di lavoro generati, a fronte di una spesa per infrastrutture di 85 milioni di sterline (di cui 76 milioni per rimettere a nuovo Twickenham). Il record di visitatori stranieri in una Rugby World Cup. Sono questi i numeri annunciati dall’IRB e che si riferiscono ai prossimi Mondiali 2015 in Inghilterra.

In Inghilterra, infatti, sbarcheranno quasi mezzo milione di tifosi da tutto il mondo e prendendo come esempio l’edizione 2011 dei Mondiali una società esterna ha giudicato in quasi 1 miliardo di sterline (1.25 miliardi di euro) il valore aggiunto al Prodotto interno lordo del Regno Unito.

Un segno positivo che avrà ricadute positive sull’economia di tutte e 11 le città in cui si disputeranno i match della Rugby World Cup, con decine di milioni di euro che confluiranno sull’economia locale, oltre a quelli generati a livello globale. Anche perché, come evidenzia l’esperienza neozelandese del 2011, i tifosi di rugby non sono turisti da ‘mordi e fuggi’, ma – invece – restano nel Paese ospitante diversi giorni, anche settimane, generando un introito che va ben al di là dell’evento sportivo stesso.


Seguici su Google+