Strage sul posto di lavoro in Connecticut: ecco la telefonata al 911 fatta dall’assassino Omar Thornton

E’ stata resa nota giovedì la telefonata fatta al 911 da Omar Thornton, il camionista 35enne che martedì scorso ha aperto il fuoco contro i suoi colleghi della Hartford Distributors di Manchester, nello Stato americano del Connecticut, uccidendo nove persone prima di togliersi la vita.Poco dopo aver iniziato a sparare, Thornton si è chiuso in

E’ stata resa nota giovedì la telefonata fatta al 911 da Omar Thornton, il camionista 35enne che martedì scorso ha aperto il fuoco contro i suoi colleghi della Hartford Distributors di Manchester, nello Stato americano del Connecticut, uccidendo nove persone prima di togliersi la vita.

Poco dopo aver iniziato a sparare, Thornton si è chiuso in una stanza e da lì ha chiamato il 911:

Forse volete sapere perchè l’ho fatto. Questo è un posto di razzisti, mi hanno sempre trattato male qui. Hanno sempre trattato male tutti gli impiegati neri. Alla fine sono dovuto intervenire. Speravo di riuscire a prendere più persone.


Poi, mentre i due centralinisti cercavano di tranquillizzarlo e di farlo ragionare, Thornton li ha rassicurati dicendo “Non ucciderò nessun altro“.

Non ha però voluto rivelare la sua posizione, si è limitato a dire alla fine gli agenti l’avrebbero, “quando tutto questo sarà finito“.

Prima di terminare la conversazione ha preannunciato il suo suicidio:

Dite alla mia famiglia che la amo e che ora devo andare.

Il suo corpo è stato rinvenuto poco dopo dagli agenti che stavano ispezionando il luogo. Ora, però, è ancora giallo sul movente della strage.

Thornton sosteneva di aver subito comportamenti razzisti da parte dei suoi colleghi e di aver più volte denunciato la situazione ai suoi superiori.

A confermarlo ci hanno pensato anche l’ex fidanzata dell’uomo, Kristi Hannah e sua madre Joanne, che in passato avevano raccolto le confidenze di Thornton e gli avevano consigliato di scattare fotografie dei presunti maltrattamenti.

Le due donne, oltre a confermare che Thornton era effettivamente riuscito a a documentare le prese in giro dei colleghi (il suo telefono cellulare è stato analizzato dagli investigatori), hanno rivelato di aver visto l’uomo presentare un reclamo ufficiale ai superiori.

Il presidente della Hartford Distributors, però, ha dichiarato di non aver mai ricevuto alcuna lamentela e di non aver mai sentito Thornton lamentarsi di aver subito maltrattamenti.

La parola fine, almeno per ora, l’ha messa la polizia di Manchester che, dopo una breve indagini, ha dichiarato che non sono state trovate prove di discriminazione razziale.

Via | LiveLeak e CBS