Italia Sud Africa: Padova, rischio ingorghi, potenziate le navette

Per chi arriverà a Padova per il test match di sabato, se possibile, meglio usare le navette per evitare il caos parcheggi.

Nel 2008 fu il caos. Ma Padova ha imparato la lezione e non vuole farsi trovare impreparata. Sei anni fa, quando arrivarono i Wallabies, gli accessi allo stadio Euganeo vennero invasi da migliaia di auto, creando il caos nel traffico, con i parcheggi nelle vicinanze dell’impianto non sufficienti e macchine lasciate ai lati dell’autostrada con i tifosi che si affrettavano pericolosamente verso lo stadio. Una situazione che creò non pochi imbarazzi, ma una lezione che è stata imparata.

Nel maggio 2013, infatti, al’Euganeo arrivò Bruce Springsteen e si portò dietro ben 40mila fan (per Italia-Sud Africa ne sono previsti la metà, ndr.). Il Comune di Padova non si fece trovare impreparato e organizzò una serie di navette gratuite per permettere agli appassionati di raggiungere lo stadio pur venendo in città in treno, o lasciando le automobili nei parcheggi della città. Una soluzione che vedrà il bis anche questo sabato.

Il Comune di Padova, in collaborazione con il Comitato Veneto e la Fir, ha approntato un servizio di bus navetta nella giornata del test match tra gli azzurri e i sudafricani. A partire dalle 12, fino alle 15, e dalla fine del match fino alle 19, infatti, sono previste due linee di navette gratuite che porteranno i tifosi allo stadio e, poi, di nuovo alle loro macchine o in stazione.

In questo modo, oltre ai due parcheggi vicini allo stadio, e comodamente raggiungibili da chi arriva dall’A13, ci saranno ben altri 8 parcheggi pubblici a disposizione degli appassionati, vicino ai quali transiteranno le navette che, così, potranno portare i tifosi allo stadio. Una delle navette, poi, passa proprio dalla stazione dei treni per chi evita di usare l’automobile.

Alla prossima pagina potete scaricare il file pdf con le indicazioni per le navette gratuite.


Seguici su Google+

Bus navette Padova

[iframe width=”620″ height=”700″ src=”//www.slideshare.net/slideshow/embed_code/41668084″ frameborder=”0″]