Affari italiani: Gavazzi “Sogno la terza franchigia celtica”

Il presidente federale torna a sponsorizzare Roma per un terzo club in Pro 12. Ma intanto minaccia di andarsene.

Non lascia, ma raddoppia. A margine della presentazione del Sei Nazioni ieri a Roma, infatti, Alfredo Gavazzi ha rilasciato un’intervista a Francesco Volpe sul Corriere dello Sport, in cui affronta il nodo Pro 12. Spiegando le sue richieste ai celtici e ritornando sulla terza squadra a Roma, o a Milano.

“L’Italia porta alla Celtic più soldi dell’Irlanda e della Scozia, ma non è considerata tra i soci. Così non ci stiamo. Non siamo contenti della loro organizzazione: Glasgow-Treviso è stata rinviata con la scusa del maltempo […] Non siamo contenti degli arbitraggi […] E non siamo contenti dei calendari […] Siamo stufi di essere trattati da brutti anatroccoli – le parole del numero 1 del rugby italiano, che poi rilancia la terza franchigia –. Due franchigie non ci bastano. 65 giocatori su cui lavorare sono pochi. Ne serve una terza a Roma, ma Roma deve ristrutturare le Tre Fontane e trovare le risorse. Se, come ventilato, all’interno della futura Cittadella dello Sport troverà posto un impianto per il rugby, anche Milano tornerà in corsa. Ne ho già parlato con Maroni”.

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter @Google+