Italia Argentina: le polemiche sull’anticipo e la Fir spiega

Dopo l’annuncio dell’anticipo a domani di Italia-Argentina è montata la polemica sui social network. E la Fir spiega.

Non è piaciuto agli appassionati italiani lo spostamento del match tra Italia e Argentina da sabato a venerdì, causa allerta meteo. Sui social network (anche sulla pagina di Rugby 1823) è montata la polemica, con gli appassionati che accusavano la Fir, chiedendo che il match non si giocasse, piuttosto che si fosse organizzata altrove o spostata di sede all’ultimo.

Posizioni legittime, va detto, ma che in molti casi non hanno valutato la situazione. E’ vero che in novembre di norma piove, ma non si poteva certo sapere mesi fa che in Liguria ci sarebbe stata una situazione come quella vissuta in questi giorni. Le previsioni meteo, per essere affidabili, si fanno con un massimo di 72 ore di anticipo, il resto sono speculazioni. Quindi preventivare questi problemi era difficile. Certo, non impossibile, ma difficile.

Annullare il match? Si tratta di una partita ufficiale, non di un’amichevole, e se si può disputare va disputata. Spostarla di sede? Oltre a creare gli stessi inconvenienti per chi già aveva prenotato treni, alberghi e quant’altro, era impossibile da organizzare nel giro di un paio di giorni. Insomma, si poteva giocare e si gioca. La scelta di non giocare sabato o domenica, inoltre, non è stata presa dalla Fir, ma è un ordine delle istituzioni e degli organi preposti alla sicurezza.

Proprio per questo poco fa la Fir ha pubblicato un messaggio per tutti gli appassionati, in cui spiega la situazione e promette di muoversi per chi ha preso il biglietto, ma non potrà essere a Genova domani. Eccolo.

Cari sostenitori della Nazionale, comprendiamo il rammarico di quanti di voi non potranno essere presenti alla partita contro l’Argentina. Siamo inoltre consapevoli che la disputa della partita nel tardo pomeriggio di un giorno feriale comporterà, per molti di voi, l’impossibilità a partecipare. Tutte le opzioni per riprogrammare la partita in una finestra maggiormente fruibile sono state valutate ma si sono verificate non percorribili. Nello specifico, stante la situazione attuale, non era possibile in alcun modo garantire lo svolgimento della partita nelle giornate di sabato e domenica. Sarebbe stato pertanto necessario annullare la partita, valevole per il ranking IRB, e siamo convinti di aver operato nell’interesse degli Azzurri offrendo loro l’opportunità di sfidare sul campo i Pumas. Giocare alle ore 17.15 di venerdì, in base all’allerta meteo promulgata in data odierna, era l’unica soluzione che ci è stata proposta per dare a Sergio e compagni la possibilità di scendere in campo. Vi terremo aggiornati su queste pagine circa le iniziative che verranno intraprese nei confronti di coloro che non potranno assistere alla partita di domani.


Seguici su Google+