Affari italiani: torna di moda il “super 6” di Kirwan?

Durante una cena di beneficenza, e ora sulla stampa, è tornato in auge il progetto dell’ex coach azzurro per il campionato italiano.

A volte ritornano. Con il futuro del rugby d’elite italiano in dubbio, con nessuna certezza dalla Pro 12 e un’Eccellenza che fatica a sopravvivere, tra crisi economica, poca visibilità e campioni lontani, ogni scusa è buona per immaginare un futuro diverso. Magari guardando al passato.

Così prima rugbymercato.it e poi La Voce di Rovigo ritirano fuori dal cassetto una vecchia proposta di John Kirwan, datata 2007. Prima dell’era Celtic League, quando già si pensava a come rivoluzionare il massimo campionato italiano.

Un campionato a sei squadre con i giocatori assegnati ai club dalla Federazione, in base alle indicazioni dello staff tecnico azzurro. Un sistema economico dei club controllato sempre dalla Fir, che avrebbe deciso giocatori e tecnici. Insomma, un campionato fatto su misura per la Nazionale, dove il controlla sarebbe stato completamente centralizzato. 

Ma non solo. Nell’idea di Kirwan c’era un rapporto costante tra i giocatori d’interesse nazionale e lo staff tecnico, con incontri settimanali per migliorare le fasi del gioco e gli skills individuali. Un progetto mai preso in considerazione dalla Fir, ma che ora qualcuno potrebbe riprendere in mano se il castello celtico dovesse crollare.

Credit image by Getty Images

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter @Google+

I Video di Blogo