Galles: Premiership anglogallese? Dall’Rfu arriva lo stop

Il presidente della Wru confida che la federazione inglese non darà mai il suo ok a una lega anglogallese.

Nuovo giro di dichiarazioni – forti – nella guerra che sta attanagliando il rugby gallese e che, come più volte detto, coinvolge l’intera palla ovale europea e anche quella italiana. E a far parlare, soprattutto, sono le parole di Roger Lewis, numero 1 della federazione gallese.

“La Rugby Football Union (la federazione inglese, ndr.) non permetterà alle regioni gallesi di partecipare alla Premiership inglese – ha dichiarato a sorpresa Lewis –. Ci hanno detto così, quindi ciò non accadrà”. Insomma, ancora una volta le Unions fanno fronte comune e placcano la volontà di rivoluzione dei club, che essi siano inglesi, francesi o gallesi.

Le parole di Lewis seguono quelle di Gareth Davies, boss dei Newport Dragons, che sono diametralmente opposte. “Il rapporto con i club inglesi sono solidi e concreti, anche se sappiamo e non sottovalutiamo le conseguenze delle nostre scelte – ha detto Davies, che poi ribadisce il concetto già più volte espresso dalle regions gallesi –. L’alternativa (alla lega anglogallese, ndr.)? Giocare, con tutto il rispetto, in una coppa europea ridimensionata e in una Pro 12 che non ha ancora uno sponsor per la prossima stagione e dove l’Italia minaccia di andarsene”.

Credit image by Getty Images

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter @Google+