Affari italiani: Prato, i giocatori difendono la società, ma non smentiscono

Dopo le voci riportate da questo blog di stipendi non pagati e una situazione economica non sicura, arriva la risposta dei giocatori dei Cavalieri.

Dopo l’articolo pubblicato su queste pagine due giorni fa, da Prato c’era stato un lungo silenzio, con solo le pagine della Nazione a dare voce ai Cavalieri, che “smentiscono ufficiosamente” i problemi riportati su Rugby 1823. E, ora, è arrivato un comunicato ufficiale, ma a firma dei giocatori.

“A seguito di alcuni articoli usciti nei giorni scorsi vogliamo chiarire il nostro punto di vista riguardo la situazione attuale, in quanto sono state riportate notizie non del tutto corrette – si legge sul sito dei Cavalieri –. Innanzitutto ribadiamo la nostra fiducia nella società. Se così non fosse, avremmo preso strade diverse, come alcuni hanno fatto, alla fine della scorsa stagione. Vogliamo smentire le voci di una situazione esplosiva. Lo spogliatoio rimane unito, il lavoro che svolgiamo giorno dopo giorno ne è la conferma. Siamo consapevoli delle difficoltà che il nostro club, come altri, sta vivendo in questo momento, ma siamo certi che la società rispetterà le promesse e gli impegni presi. Chiediamo solo di non strumentalizzare la nostra posizione per fini che apparentemente sembrano più politici che sportivi”.

Una presa di posizione a fianco della società che, però, non smentisce ciò che è stato scritto su queste pagine. 

Credit image by Daniela Pasquetti

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter @Google+