Tour de France 2020: trionfa il 22enne Tadej Pogacar. Ultima tappa a Bennett (anche Maglia Verde)

Lo sloveno compie 22 anni proprio domani.

È stato un Tour de France diverso dagli altri, ma molto emozionante, una Grande Boucle che, molto probabilmente, ci ha fatto assistere alla nascita di una grande stella: Tadej Pogacar. Lo sloveno, che domani, 21 settembre 2020, compie 22 anni, ha ottenuto già il massimo risultato in carriera per un ciclista e lo ha fatto mettendo il suo sigillo sulla cronoscalata del sabato, la penultima tappa di ieri con arrivo a La Planche de Belles Filles che tanti campioni ha consacrato in questi ultimi anni, da Chris Froome a Vincenzo Nibali, due dei grandi assenti di questa edizione del Tour.

Pogacar ha soffiato la Maglia Gialla al suo connazionale Primoz Roglic, che era il vincitore annunciato, proprio nell’ultima occasione, poi, oggi, nella tappa conclusiva con arrivo sugli Champs-Elisée, la festa per lui e per Sam Bennett, l’irlandese della Deceuninck-Quick Step che ha vinto la decima e la ventunesima tappa e ha ottenuto sempre ottimi piazzamenti in tutte le tappe per velocisti, meritando così la Maglia Verde, strappata a Peter Sagan, che cercava la sua ottava vittoria nella classifica a punti.

Bennett oggi ha vinto l’ultima tappa in volata davanti a Mads Pedersen della Trek Segafredo e lo stesso Sagan della Bora-hansgrohe, mentre l’UAE-Team Emirates si coccolava la sua Maglia Gialla. Pogacar è stato un vero e proprio cannibale in questo Tour, visto che, oltre al successo in classifica generale, ha vinto tre tappe e ha conquistato anche la Maglia Bianca, che spetta al miglior giovane under 25, e la Maglia a Pois perché è stato anche il miglior scalatore.

Per gli italiani non è stato un grande Tour, non c’erano uomini adatti a lottare per la Maglia Gialla, Fabio Aru si è ritirato e comunque aveva in squadra Pogacar, evidentemente più in forma di lui, mentre i velocisti non sono riusciti a ottenere vittorie. Il migliore è stato Damiano Caruso, che di fatto tiene alto il tricolore entrando in top-ten, proprio al decimo posto.

In questa annata anomala il ciclismo si troverà ad affrontare in autunno le corse che solitamente sono protagoniste della primavera, ossia la Freccia Vallone (il 30 settembre), la Liegi-Bastone-Liegi (il 4 ottobre) e, soprattutto, il Giro d’Italia, dal 3 al 25 ottobre, mentre la Vuelta di Spagna è in programma dal 20 ottobre all’8 novembre. Purtroppo il calendario che è stato rivisto a causa dell’emergenza Covid-19 costringe i ciclisti a fare delle scelte.

Questa la top-ten finale della classifica generale del Tour de France 2020:

1) Tadej Pogacar (UAE-Team Emirates) 87h 20’ 05”
2) Primoz Roglic (Team Jumbo-Visma) +59”
3) Richie Porte (Trek-Segafredo) +3’ 30”
4) Mikel Landa (Bahrain-McLaren) +5’ 58”
5) Enric Mas (Movistar Team) +6’ 07”
6) Miguel Ángel López (Astana Pro Team) +6’ 47”
7) Tom Dumoulin (Team Jumbo-Visma) +7’ 48”
8) Rigoberto Uran (EF Pro Cycling) +8’ 02”
9) Adam Yates (Mitchelton-Scott) +9’ 25”
10) Damiano Caruso (Bahrain-McLaren) +14’ 03”